Aliens – Fire and Stone 2

Cover di David Palumbo
Cover di David Palumbo

Continua il ciclo di storie intrecciate fra varie testate della mitica Dark Horse Comics: Prometheus, Aliens, Predator ed AvG (Alien vs Predator) ci guideranno fino all’anno prossimo nell’universo narrativo chiamato “Fire and Stone”. Dubito che ci sarà una edizione italiana dell’opera, per cui seguirò le storie in lingua originale raccontandovele qui ogni domenica.
Oggi è il turno della quarta testata coinvolta: “Aliens. Fire and Stone 2”.

Una brutta estate, quella del 2179 su LV-223...
Una brutta estate, quella del 2179 su LV-223…

Breve punto della situazione dopo il primo numero. Data astrale 3 luglio 2179. La comunità umana di Hadley’s Hope su LV-426 – una delle tre lune del pianetoide Calpamos nel sistema Zeta 2 Reticuli, noto più semplicemente come Acheron – viene assalita dagli alieni e in futuro verrà nuclearizzata da Ripley e i Colonial Marines. Però ora alcuni superstiti riescono a salire sulla navicella Onager e ad evacuare la luna finendo su un’altra delle lune di Calpamos: LV-223. I fuggiaschi, guidati da Derrick Russell, non sanno che 86 anni prima sulla stessa luna si sono svolti gli eventi del film Prometheus di Ridley Scott e che quindi è in atto un processo misterioso in cui si ritrovano protagonisti, né sanno che sulla scialuppa che li ha salvati c’erano anche degli aliens a bordo…
Sappiamo già che la storia finirà male, perché le vicende raccontate nelle altre testate partono tutte dal finale di questa, ma scopriamo meglio il destino di questo manipolo di umani nel pianeta di Prometheus.

La scialuppa Onager ormai non è più utile...
La scialuppa Onager ormai non è più utile…

Passano i giorni, in questa estate del 2179, e mentre i superstiti si adattano a vivere sulla luna in attesa di futuri soccorsi, Derrick Russell si accorge di qualcosa di curioso: una strana sfera passa in aria ad intervalli regolari. Quando riesce ad afferrarla scopre che è tecnologia della Weyland-Yutani: è una scatola nera ambulante, che gli rivela gli eventi visti nel film “Prometheus”. Non sono i primi umani a mettere piede su LV-223…

Russell scopre Prometheus
Russell scopre Prometheus

Non è facile stabilire il da farsi: la maestra Genevieve Dione vuole rimanere nell’accampamento e blindarlo il più possibile, mentre Nolan Cale fa notare che rimanere fermi significa solo facilitare la caccia degli aliens.
Russell non partecipa alla lunga discussione, e più passano i giorni più capisce che tutti loro si trovano al centro di un enorme progetto di terraformazione in pieno sviluppo: ma lanciato da chi? E le mutazioni sono ancora in corso? L’uomo non sa che dal lago, dove un alien ha afferrato uno dei superstiti, sta per uscire qualcosa che dimostra… che l’evoluzione non dorme mai!

Gli Aliens sono duri a morire
Gli Aliens sono duri a morire

Storia intrigante e affascinante, che ripercorre addirittura le location del film “Prometheus” man mano che Russell prosegue nelle ricerche. Non rimane che attendere il prossimo numero in trepidante attesa.

L.

– Ultimi post simili:

VISITATE IL MIO NUOVO BLOG ALIENO!

Aliens Main Titolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...