Cover di Walter Simonson
Cover di Walter Simonson

Nel maggio del 1992 la Dark Horse Comics si affida al celebre Frank Miller – già famoso per il fumetto Il ritorno del Cavaliere Oscuro (1986) ma soprattutto già autore della sceneggiatura di Robocop 2 (1990) – per fargli scrivere uno scontro epico, qualcosa che dovrebbe davvero rimanere nella storia: “Robocop vs Terminator” è il secondo versus della casa, dopo Aliens vs Predator (1990).

La storia parte da un delizioso presupposto: Skynet, il supercomputer che ha dichiarato guerra all’umanità, è stato fondato da una mente umana… una mente fusa con la macchina… E quella mente, scopriamo, è appartenuta ad un certo Alex Murphy: vi dice niente questo nome?
«Era metà macchina e metà uomo, la sua mente conservava il segreto e ha reso “cosciente” la macchina: è tutta colpa sua!» L’unica soluzione… è la solita soluzione: viaggiare nel tempo e andare ad uccidere l’uomo da cui tutto è iniziato. Andare ad uccidere Alex Murphy…

Botte robotiche!
Botte robotiche!

Florence “Flo” Langer “torna” al tempo giusto ma scopre che Murphy è già dato per morto ed è diventato Robocop: poco male, si costruisce un plasma rifle con roba trovata in giro (!) e lo va a cercare. Lo trova e lo uccide… fine di Robocop!
Ovviamente c’è il trucco. Capito che la donna sta tornando indietro per uccidere Murphy, Skynet manda dei Terminator indietro nel tempo… un po’ prima della donna, così che la uccidono prima che lei uccida Robocop.
Numero dopo numero, nel momento esatto in cui stanno per estinguersi, i Terminator riescono a darsi appuntamento nello stesso identico periodo a Detroit, e ogni volta beccano Robocop: non vogliono ucciderlo, vogliono anzi imprigionarlo per spingerlo a dare vita alla futura Skynet.

Gli spettacolari disegni di Walter Simonson sono splendidi e fanno dimenticare l’ingarbugliata vicenda con cui Miller fa perdere la testa. Di sicuro l’ultimo numero è il migliore, perché al di là delle spiegazioni sul perché ora Robocop sia nel futuro e combatta contro Skynet, basta a riempire gli occhi la splendida sequenza che porta un esercito di Terminator a scontrarsi contro… un esercito di Robocop volanti! Botte meccaniche e sganassoni robotici trasformano tutto in una enorme e divertente battaglia rocambolesca, che in fondo è esattamente ciò che cerca chi legge questi comics.

Questa è follia... No: è Skynet!
Questa è follia… No: è Skynet!

Con profondo rammarico non sono riuscito a conservare gli splendidi volumi dell’epoca, con copertina luccicante: quattro gioiellini da collezione che non hanno resistito al procedere del tempo… e della riduzione di spazio in casa!

RobocoVSterminatorOltre a segnalare la recensione del Moro di questo fumetto dal suo blog Storie da birreria, ricordo che il 24 novembre 2014 la MagicPress ha aggiunto al proprio catalogo la versione italiana di questo fumetto, nell’ottica della presentazione nella nostra lingua delle storie firmate da Frank Miller.
Con la traduzione di Andrea Antonazzo, ecco dunque Frank Miller RoboCop versus Terminator, al costo di 15 euro.

Il ciclo di Robocop prosegue ogni mercoledì su Fumetti Etruschi, ma se siete ansiosi di saltare avanti nel tempo e leggere del successivo scontro di Murphy con i Terminator, vi segnalo la saga Kill Human firmata dalla Dynamite.

L.

Annunci