Vampirella Army of Darkness (2015)

Cover di Tim Seeley e Vinicius Andrade
Cover di Tim Seeley e Vinicius Andrade

Appena uscito negli, già è il mio idolo dell’estate: sto parlando della geniale joint venture targata Dynamite Entertainment dal titolo “Vampirella Army of Darkness“, il cui primo numero è di questo luglio 2015.

La celebre vampira, che da 46 anni gira seminuda nel mondo del fumetto, dal 2010 fa parte della scuderia Dynamite e quindi era solo questione di tempo prima che piombasse nel delirante e geniale universo di Ash, che deve sì i natali al film The Evil Dead (1981) ma che assurge a personaggio mitico solo grazie al fantasioso medioevo del terzo epico e mitologico titolo della saga: Army of Darkness (1992), sempre del titanico Sam Raimi.
Da anni Vampirella ed Ash vivono avventure a fumetti targate Dynamite, ed ora finalmente si incontrano: non può che essere un evento esplosivo!

Chi è che vuole un po' di zucchero?
Chi è che vuole un po’ di zucchero?

Per quei pochi che non lo sapessero (vergognatevi, nel caso!) Ash è un commesso di centro commerciale che, durante una gita nei boschi, inavvertitamente evoca le potenze del male attraverso un libro che forse vi sarà capitato di sentir citare: il Necronomicon! (Raimi azzarda l’imperdonabile mostruosità greco-latina “Necronomicon ex mortis” che oltre a non avere senso è pure brutta: va be’, a Sam perdoniamo tutto.)
Catturato da un gorgo spazio-temporale, Ash, la sua mano monca e il suo celebre fucile – il mitico boomstick – si ritrova catapultato nel 1300, nel pieno di una guerra medievale contro le forze del Male. Tra frasi maschie e calci nel sedere, con contorno di comicità in ogni forma, Ash aiuterà i rozzi medievali a vincere con stile, e si beccherà pure la pupa a cui rivolgere la storica battuta: «Give me some sugar, baby».

Ash è davvero un galantuomo!
Ash è davvero un galantuomo!

Il fumetto disegnato da Jeff Morales si apre dopo tutto questo, quando i festeggiamenti per la vittoria – vista appunto nel film L’Armata delle Tenebre – finiscono per ubriacare i nobili guerrieri medievali. E state certi che da ubriaco Ash è mille volte più cazzone e maschilista!
Dopo aver sculacciato la sua donna, dicendo che dal paese dove viene quello è un gesto di stima nei confronti del gentil sesso, la festa può dirsi chiusa e, tra una battuta e l’altra, ci si può ritirare per il giusto riposo.
Qualcuno però non dorme. Un’ombra si aggira per i corridoi oscuri del castello. Un’ombra che uccide. L’ombra di Vampirella…

Ash sì che sa trattare le vampire!
Ash sì che sa trattare le vampire!

Lo sceneggiatore Mark Rahner riesce a cogliere perfettamente lo spirito dissacrante e cazzone di Ash, ce lo presenta dalla lingua lunga e pieno di battute, quindi non possiamo che ringraziarlo. Vampirella fa per ora giusto una comparsata quindi dovremo aspettare per sapere… cosa accidenti ci faccia in un castello del 1300!

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...