Sisco: Diplomazia Kalashnikov (2012)

Cover di Thomas Legrain
Cover di Thomas Legrain

Sisco Castiglioni è un personaggio in continua evoluzione. È un agente segreto dei Servizi francesi che ha tra i suoi compiti anche l’eliminazione diretta di personalità di spicco, se riceve l’ordine dai piani alti, come abbiamo visto nelle sue due prime avventure, ma ha anche compiti da guardia del corpo della figlia del Presidente della Repubblica Francese, come visto nelle deboli terza e quarta avventura.
Ora che Benec ha svezzato il suo personaggio, possiamo passare ad un’avventura decisamente più seria e matura: “Diplomazia Kalashnikov“, apparsa a puntate sul settimanale a fumetti Lanciostory (Editoriale Aurea).

SiscoUn’inchiesta giornalistica francese ha portato alla luce prove che la malavita kossovara è implicata nella tratta delle bianche, povere ragazze rapite nei paesi dell’ex Jugoslavia e mandate in paesi ricchi come la Francia a prostituirsi. Il Presidente francese è stanco della situazione e fa capire all’ambasciatore albanese che ha le prove che la mafia del suo paese è strettamente implicata nella questione, ed ha intenzione di rivelarlo al mondo durante un decorso che deve tenere a breve alle Nazioni Unite.
Appare subito chiaro che quel discorso non dovrà mai avvenire.

Questa minaccia del Presidente rompe un equilibrio precario. Ora i boss albanesi vogliono lanciare un messaggio chiaro alla Francia: fatevi gli affari vostri se non volete guai. Non si possono più fidare dei loro agganci nella malavita statunitense, così decidono di mandare un loro killer all’ONU per impedire al Presidente francese di fare il discorso.
Quando il killer sbarca all’aeroporto, non sa che vicino a lui sbarca anche un altro passeggero, ignaro di tutto: Sisco Castiglioni.

Il Presidente francese sa benissimo che dovrà aumentare la propria sicurezza, così vuole con sé nel suo viaggio i migliori agenti segreti.
Subito i Servizi americani si risentono e nasce una rivalità con quelli francesi, ma Sisco ha altri pensieri: scopre a sorpresa che l’assistente dell’ambasciatrice francese è sua sorella, Stella Bocca-Negra. Era dall’infanzia in Corsica che non si vedevano più.

Arrivato il momento del discorso, la situazione precipita. Fingendosi un gruppo politico estremista, gli uomini della mafia albanese rapiscono l’ambasciatrice francese e la sua assistente, minacciando di ucciderle se il discorso all’ONU verrà fatto.
Come gesto simbolico, ne uccidono una e l’avvolgono nella bandiera francese: chi è stata uccisa? L’ambasciatrice o la sorella di Sisco?

Ho semplificato tantissimo in questa recensione, per darvi un’idea della complessità della storia. I meravigliosi disegni del belga Thomas Legrain – una gioia per gli occhi – accompagnano il lettore in una storia densa e stuzzicantissima, che si concluderà l’anno successivo: era troppo intricata e così ho preferito recensirla singolarmente.
Alla prossima per proseguire le avventure di Sisco!

Scheda etrusca:

Sisco (id.) di Benec (Benoît Chaumont) e Thomas Legrain
– 5. Diplomazia Kalashnikov (Kalachnikov diplomatie, 09/2012), Lanciostory 47-50/2012

L.

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

5 pensieri su “Sisco: Diplomazia Kalashnikov (2012)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...