Robocop: The Future of Law Enforcement (1990)

Robocop 1990Mentre Frank Miller e le sue sceneggiature – quella diventata film e quella rimasta inedita – vanno per la loro strada, la Marvel dal 1987 ha in mano i diritti di Robocop e cerca di farci qualcosa: visto che a giugno del 1990 uscirà il secondo film al cinema, già da marzo di quell’anno lancia in edicola una serie regolare: “Robocop: The Future of Law Enforcement“, per la prima volta una storia originale per il personaggio.

Purtroppo non sono riuscito a trovare alcuna informazione su questa serie di 23 numeri, quindi devo basarmi su quanto racconta RobocopWiki.
Le vicende si svolgono dopo gli eventi del secondo film e il nostro poliziotto robotico deve vedersela con nemici molto più variopinti di quelli visti al cinema, visto che i fumetti non hanno problemi di budget. Gang su scooter volanti, animali cyborg, super robot e tutto l’armamentario possibile e immaginabile.

Dal blog Den of Geek! scopro che i primi 10 numeri sono sceneggiati da Alan Grant, già autore della seconda novelization, Judge Dredd Crimine futuro e in sul finire degli anni Novanta prenderà in mano per la Dark Horse l’universo di Terminator (Death Valley, The Dark Years e Superman vs Terminator); Evan Skolnik firma solo l’11° numero poi il resto è di Simon Furman, che molti anni dopo scriverà per la Dynamite un ottimo dittico di Terminator (Infinity e Revolution).
I disegni sono per la maggior parte di Lee Sullivan, con l’arrivo negli ultimi numeri di Herb Trimpe e Andrew Wildman.

L.

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

7 pensieri su “Robocop: The Future of Law Enforcement (1990)

      1. … E francamente è un peccato, se si pensa all’universo espanso – cross-over a parte – che in questo modo si sarebbe potuto creare negli anni attorno a Robocop e che, forse, avrebbe potuto interessare di nuovo anche il cinema, buttandosi magari su nuove avventure ed evitando merdine come l’ultimo inutilissimo remake.
        P.S. Sono tornato, recupererò i post 😉

        Liked by 1 persona

      2. Bentornato 😉
        L’universo di Robocop è continuato a fumetti in modo abbondante, in altre case, ma come Aliens insegna il cinema se ne sbatte gli zibedei delle stupende storie a fumetti: vuole solo il folto pubblico di fumettari che pagano il biglietto, a cui presentare storiacce insulse.

        Mi piace

  1. Già, come se noi buoni fumettari dovessimo sorbirci ogni cosa che ci propinano così, senza batter ciglio 😦
    Ecco, magari, se la Marvel avesse puntato su Robocop con una convinzione simile a quella riservata a Conan, qualche possibilità in più riguardo a un film decente probabilmente l’avremmo avuta (se non altro per la forza contrattuale che la casa editrice del buon vecchio Stan poteva vantare rispetto alle concorrenti… Dark Horse a parte, credo proprio che i danarosi produttori nemmeno sappiano della loro esistenza)…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...