Superman vs Aliens (1995)

Cover di Dan Jurgens & Kevin Nowlan
Cover di Dan Jurgens & Kevin Nowlan

Ormai i “versus” alieni non si riesce più a contenerli, e mentre procede il lungo scontro con i Predator (Duel e War) sempre nel 1995 la Dark Horse Comics collabora con la Distinta Concorrenza (come la chiama Cassidy!), cioè la DC, perché uno dei suoi storici personaggi – anzi, a ben vedere IL supereroe per eccellenza! – si cimenti con il celebre xenomorfo.
Nel luglio del 1995 appare uno dei “versus” più incredibili, tanto che lo omettono lasciando solo i nomi dei due contendenti: “Superman Aliens“.
L’ingordo Dan Jurgens – prolifico autore DC che però ha lavorato anche un po’ per la Marvel – cura sia i testi che i disegni, con l’aiuto di Kevin Nowlan.

Ho sentito come un sibilo...
Ho sentito come un sibilo…

Clark Kent e Lois Lane vengono chiamati dalla dottoressa Kimble della Lexcorp perché, da giornalisti, testimonino il più grande evento dell’umanità: è arrivato sulla Terra un messaggio alieno e la Kimble sta partendo per andargli incontro.
Ascoltato il messaggio e capito che proviene da Kripton, Superman – ops, lo sapevate che Clark Kent è in realtà Superman? – distanzia gli altri e scatta in avanti: possibile sia ancora vivo qualcuno del suo pianeta di origine? Il messaggio è in realtà una boa stellare che emana coordinate e “pensieri”: siamo in pericolo, venite a salvarci.
La Lexcorp mette a disposizione di Superman un’astronave – ma… è Superman, cribbio, che cacchio ci fa con un’astronave? – così il supereroe comincia a viaggiare nello spazio per raggiungere le coordinate: cioè una città di Kripton che sta viaggiando nello spazio.

Vi sembra troppa roba? Siamo solo a pagina 10!
In realtà mi fermo qui perché la ponsosità di Superman e la valanga di informazioni che vengono racchiuse in quest’albo è da mal di testa: in soli 3 numeri c’è materiale per una saga di almeno 10.
In poche parole, Superman scopre che Argo City prima dell’esplosione di Kripton si era blindata e si è ritrovata a vagare nello spazio, mentre tutti continuavano la loro vita come se nulla fosse. Poi è arrivata un’astronave vagante piena di uova aliene ed è successo l’immaginabile: ora di tutta la città è rimasta solo Kara, kriptoniana che si ritrova ad aiutare il povero supereroe che prende sberle da tutti i pizzi.

Botte super-aliene
Botte super-aliene

Potrà pure essere Superman, ma il sangue acido alieno lo rende momentaneamente cieco, e finisce pure imbozzolato e “inseminato”: riuscirà l’uomo d’acciaio a “digerire” un chestbuster? Sì, e lo farà… con un rutto!
SupermanAliensBUn mare di chiacchiere accompagna la coppia Superman e Kara mentre fanno finta di essere normali personaggi di una storia fantascientifica e cercano di sopravvivere agli alieni di Argo per abbandonare la città volante. Il fatto che Superman si ritrovi ad indossare una tuta spaziale lo trovo quanto meno grottesco: ripeto, è Superman, cribbio!

Ho un ottimo ricordo della prima volta che ho letto questa storia, ma ogni volta che sono andato a rileggerla mi ha molto deluso, piena com’è di riferimenti noiosi alla storia di Superman: è come se in ogni storia aliena ricostruissero le vicende della Nostromo
In realtà quella prima lettura è stata bella per un altro motivo. Avevo cambiato vita e avevo detto addio ai fumetti alieni, ma dopo qualche anno succede una cosa strana. Nell’edicola sotto l’ufficio mi casca l’occhio su un fumetto colorato: è il febbraio del 1998, e dopo cinque anni rivedo un Alien in copertina… maledizione, devo comprarlo…
Questo numero 4 della PlayPress Presenta – con la traduzione di Andrea Voglino – è l’inizio del ritorno di “febbre aliena”, da cui non riesco ancora a guarire…

L.

– Ultimi post simili:

VISITATE IL MIO NUOVO BLOG ALIENO!

Aliens Main Titolo

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

9 pensieri su “Superman vs Aliens (1995)

  1. Dn Jurgens di quel periodo era impegnato a fare la pubblicità alla serie che stava scrivendo, da ragazzetto vidi questo fumetto in edicola per diversi giorni di fila, alla fine lo comprai, la penso come te, carino alla prima lettura, poi purtroppo perde, in pratica tu ed io abbiamo avuto lo stesso imprinting con questo fumetto 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Senza nulla togliere a Dan Jurgens, è proprio l’idea di fondo a non convincermi del tutto: sfruttamento commerciale dei marchi a parte, gli xenomorfi dovrebbero in ogni caso poter fare ben poco contro un super-kryptoniano (della serie “con l’acido molecolare mi ci faccio uno shampoo”), a meno che questi non si trovi perennemente in condizioni di inferiorità causate da sole rosso, kryptonite, ecc.ecc. o venga – tramite accorgimenti che saltano un po’ troppo all’occhio, vedi la necessità di astronavi e tute spaziali – reso meno invulnerabile ai fini della trama…

    Liked by 1 persona

    1. Infatti è imbarazzante vedere l’uomo d’acciaio prendere sganassoni alieni e in generale subire quello che subirebbe una persona normale.
      Inoltre il grado di lagnosità e ponsosità del personaggio ha alti livelli: non l’ho mai seguito, ma spero che non sia così noioso anche nelle altre sue avventure…

      Mi piace

      1. Io – se si esclude qualche lettura occasionale recente – l’ho abbandonato da diversi anni ma, fra alti e bassi, ricordo che a suo tempo mi annoiavo raramente…

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...