[Fumetti Erotici] A porte chiuse 7 (1992)

Veleni_NascostiTrovata questa raccolta infilata tra una bancarella e un’altra: molto vissuta ma ben rappresentativa di un mondo editoriale ormai scomparso.
Si tratta del numero 7 (agosto-settembre 1992) della collana “A porte chiuse – Ultra Hard” diretta da G. Bentivoglio per la milanese INT EP (Internazionale Ediperiodici).

Le regole dell'ospitalità sono sacre!
Le regole dell’ospitalità sono sacre!

La prima storia, “Veleni nascosti“, racconta di un viaggio sfortunato del giovane Smith nella verde Svizzera: cosa ci faccia uno col cognome Smith in Svizzera non sembra domanda lecita.
Il ragazzo cade nel trucco più vecchio del mondo: inchioda l’auto per non investire una ragazza che finge di essere svenuta e si ritrova costretto ad accompagnarla al collegio dov’essa vive. Per ringraziarlo della gentilezza, la ragazza si offre ovviamente in varie pratiche erotiche, così come faranno a turno tutte le ragazze del collegio.
Esce fuori che Smith è finito in un centro di recupero per ninfomani, che ovviamente non stanno minimamente “guarendo”, visto che regolarmente catturano passanti col trucco della dona svenuta.

Questo sì che è un esorcismo!
Questo sì che è un esorcismo!

Di tutt’altro genere la seconda storia, la cupa e perversa “Blocco psicologico“.
Una fotomodella conosce un giovane che sembra l’unico non interessato a rimorchiarla. Quando finalmente riesce ad entrare a casa sua, scopre che il ragazzo è un bravissimo pittore e sta dipingendo proprio un ritratto a memoria della modella. Sempre più intrigata e incuriosita, la ragazza cerca di concupirlo solo per scoprire che il pittore è impotente.
Inizia il pruriginoso racconto degli infiniti traumi subiti dal ragazzo che l’hanno portato all’impotenza: curiosamente il più grande di tutti, essere cioè legato e violentato dalla madre, non sembra essere il più forte…
La madre bigotta lo porta da un santone che scaccerà il diavolo in lui, ma in realtà lo sottoporrà ad altre terribili pratiche erotiche che alla fine lo lasceranno impotente.

Storia divertente e frizzate, la prima, molto simile a un qualsiasi filmetto allegro italiano anni Ottanta; esageratamente perversa la seconda, disegnata con tratti oscuri e cupi, che si chiude in modo macabro.
Rimango in attesa di qualche esperto del settore che mi dica l’uscita originale delle due storie 😉

L.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...