Durango 8 (2013) La fine

Cover di Thierry Girod
Cover di Thierry Girod

Grandi novità per la fine della saga di Durango, l’eroe del bande dessinée western: per le sue ultime due avventure il “papà” Yves Swolfs si limita a scrivere la sceneggiatura, lasciando i disegni a quel Thierry Girod che i lettori di questo blog hanno conosciuto con la splendida saga Wanted. Il risultato è davvero poco distinguibile dal tratto di Swofs.
L’altra novità è che l’ultimo albo della testata italiana è edito dalla bolognese Cosmo Editoriale, che subentra alla GP Publishing continuandone l’opera.

Anche se il diavolo stesso mi portasse il conto, lo pagherei volentieri… pur di lasciare una lunga fila di tombe.

Durango è come sempre in cerca di lavoro in giro per il West, non ci prova più a fermarsi perché sa che la Morte cavalca con lui.
Durante il viaggio incontra uno spietato pistolero, El Cobra, che sta compiendo una strage sanguinaria in paese: tutto per scoprire, per conto del suo committente, dove si sia rintanato il truffatore Steiner.
Il killer senza scrupoli – che usa due Colt .45 fatte costruire su misura – è un grande estimatore di Durango (che chiama con il nomignolo Peacemaker), e anzi il suo sogno è diventare veloce quanto lui ad estrarre.
Durango8aI due uomini faranno a gara per chi trova prima Steiner, per motivi ovviamente diversi, e solo quando troverà la situazione giusta… Durango farà pulizia.

Steiner continua a far danni anche nella seconda storia, affidando i suoi sporchi affari al pistolero Lavanski, che gli indiani chiamano “Testa senza capelli”.
Proprio una ribellione indiana prende il sopravvento nella storia e si unisce ai vari altri temi classici del western: indiani buoni e indiani cattivi, pistoleri violenti e affaristi spregiudicati, scorrerie sulle ferrovia e duelli all’ultimo sangue.
Insomma, Yves Swolfs butta tutto dentro per dare l’addio al suo personaggio storico, che ha scritto e disegnato per 31 anni.

Ma è veramente finita? Non smettete di scrutare l’orizzonte, purché non è detto che Durango non possa tornare.

Scheda etrusca:

Durango n. 8 [giugno 2013]
El Cobra (15. El Cobra, 11/2008)
Il crepuscolo dell’avvoltoio (16. Le crépuscule du vautour, 12/2012)

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...