Vampirella: le origini 13 (1977)

Cover di Enrich Torres
Cover di Enrich Torres

Temo stia giungendo al termine la mia pazienza riguardo il variopinto e psichedelico mondo di Vampirella, eroina anche per tutto il 1977 continua a vivere avventure senza alcuna logica scritte da autori in evidente stato di alterazione mentale. A parte i vari reboot, l’unica serie di storie che abbia un minimo di coerenza è quella giunta in Italia nell’Oscar Mondadori Mordimi sul collo, per favore: tutto il resto è puro vaneggiamento senza alcuna direzione.
Proverò a fare salti ancora più lunghi per uscire da questi psichedelici anni Settanta, alla ricerca di una storia di Vampirella che sia vagamente leggibile ancora oggi.

Scheda etrusca:

City of Ghosts
da “Vampirella” n. 57 (gennaio 1977)
di Roger McKenzie e José González

Lenore
da “Vampirella” n. 58 (marzo 1977)
di Roger McKenzie e José González

Pendragon’s Last Bow
da “Vampirella” n. 59 (aprile 1977)
di Bill DuBay e José González

The Return of the Red Queen
da “Vampirella” n. 60 (maggio 1977)
di Bill DuBay e José González

An Eye for an Eye
da “Vampirella” n. 61 (luglio 1977)
di Bill DuBay e José González

Starpatch Quark & Mother Blitz
da “Vampirella” n. 62 (agosto 1977)
di Bill DuBay e José González

Vampirella and the Sultana’s Revenge
da “Vampirella” n. 63 (settembre 1977)
di Flaxman Loew e José González

The Manipulators
da “Vampirella” n. 64 (ottobre 1977)

The Manipulators
da “Vampirella” n. 65 (dicembre 1977)
di Bill DuBay e José González

L.

Annunci

4 commenti

      • E allora… colpo di scena! Ash sbaglia di nuovo nel recitare la famosa formula (stavolta potrebbe essere un bel “Klaatu Barada Ni..Nik..Nikita!”), ed istantaneamente il Necronomicon si trasforma in un albo di Vampirella della Warren, proiettandolo nei tardi anni ’70 a re-incontrare la nostra sexy vampira… Ash “Metti via l’acido una volta per tutte e dammi dello zucchero, baby”
        Vampirella “Modo originale di chiedere di smutandarmi…”
        Ash “Niente di personale, baby… immagina che lo stia facendo per un amico che, un giorno, vorrà ricordarti nel miglior modo possibile. Sì, il ricordo migliore di questi anni fottuti!” 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...