Robocop: Road Trip (2012)

Cover di Fabiano Neves
Cover di Fabiano Neves

Il povero Robocop sta vivendo il momento peggiore della sua vita. Come abbiamo visto nel precedente Revolution (2010), la Dynamite Entertainment ha ingaggiato Rob Williams per scrivere una vera e propria discesa agli inferi del personaggio.
Con Unai de Zarate ai disegni, nel dicembre 2011 inizia “Robocop: Road Trip“.

Una scritta ci ricorda che le vicende narrate si svolgono dopo il primo film di Robocop, e questo spiega la presenza in scena di Anne Lewis, la storica collega del personaggio morta nel terzo film e resuscitata dalla Avatar. La Dynamite però è sadica e la fa morire di nuovo, facendole prendere un proiettile per salvare l’amico di sempre. (E non amante, malgrado i pettegolezzi: l’unica donna forse amata da Robocop è la dottoressa Lazarus, personaggio che però scompare quando la Dark Horse Comics caccia via a pedate la testata.)

Silver Robocop vs Golden Robocop
Silver Robocop vs Golden Robocop

Senza storica compagna e con il proprio software pesantemente danneggiato, Murphy è comprensibilmente confuso. C’è un super riccone che ha comprato l’OCP esclusivamente per impadronirsi del corpo di Robocop: sta morendo e vuole trasferire la propria coscienza scalciando quella di Murphy, ma ovviamente non sembra essere così facile: se no la serie durava una pagina!
Così il riccone sfianca il robottone con allucinazioni e viaggi psichedelici, rendendo questa serie un gran bel mucchio di carta straccia…

Il nuovo nemico di Robocop
Il nuovo nemico di Robocop

Possiamo pure sforzarci e trovare una parvenza di simbologia nel nuovo nemico di Robocop, un gigantesco cagnolone robotico – chi ha detto Cerbero? Ok, diciamo che questo nuovo nemico è il Cerbero dell’inferno di Robocop, ma il tutto è davvero confusionario e quel che è peggio è che non porta da nessuna parte.
La storia di Road Trip non bastava neanche per un numero e ne hanno fatti quattro, con Murphy che vede i colleghi morti e parla con se stesso in versione dorata – in realtà il riccone travestito da allucinazione. Lo capite che si sente forte l’odore di un’altra pedata nel sedere per la testata di “Robocop”?

L.

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

7 pensieri su “Robocop: Road Trip (2012)

  1. Dal titolo pensavo che Robocop andava in gita con qualche confraternita universitaria,il cane sembra presa a prestito da Kyashan,di recente hanno fatto il primo film in versione unrated(1 minuto in più).
    Ma tenere la visione di Verohen versione cartacea no?

    Liked by 1 persona

    1. Un minuto? Mi sembra una fatica sprecata!
      Magari avessero tenuto la visione di Verhoen, sarebbero stati fumetti stupendi, invece ognuno ha voluto metterci le mani e rielaborare a modo suo – in primis Frank Miller e il suo pessimo lavoro – che alla fine hanno rovinato tutto.
      Quando ho visto il cane robotico ho pensato anch’io a Kyashan 😉

      Mi piace

      1. Ecco, appunto… D’accordo, di Verhoeven se ne son dimenticati tutti a quanto pare (Dynamite compresa, qui) 😦 , ma – anche così – che c’entra un simil-Flender gigante con Robocop? Quando avevo chiesto qualcosa di diverso dagli Ed-309, avrei dovuto ricordare di stare attento a quello che chiedevo, perché avrei potuto ottenerlo (e infatti). In una prossima serie, magari, arriverà pure Braiking Boss a misurarsi con Murphy…

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...