Cover di Frank Thorne
Cover di Frank Thorne

Terzo numero della nuova testata Marvel anni Settanta “Red Sonja“, dedicata interamente alla Diavolessa con la spada “in solitaria”.
Ricordo che sto stilando la fumettografia di Red Sonja: qualsiasi segnalazione, correzione o suggerimento sarà fondamentale e ben accetto.

La nostra eroina giunge alla città di Athos, «dove i cittadini sono grassi, riccamente vestiti e crudeli come demoni». Subito incontra un tipico abitante del luogo: il ricco, grasso e tronfio Grosias Tala, che sta frustando il suo stremato schiavo di Zotoz.

La splendida Sonja di Frank Thorne
La splendida Sonja di Frank Thorne

Data una bella lezione al crapulone, Sonja viene plaudita dal vagabondo Mikal che le ricorda però la realtà del luogo in cui si trovano: «solo il piacere occupa i pensieri dei cittadini di Athos». Con la guida del vagabondo, l’hyrkaniana scopre l’esagerata opulenza della città di Athos e la triste miseria in cui è tenuta soggiogata la vicina Zotoz, e viene a sapere che i rispettivi abitanti sono chiamati regolarmente a partecipare ai Giochi di Gita: una perfida sfida dedicata alla dea omonima in cui i zotoziani devono perdere… pena la morte.
Ovviamente la nostra eroina non vede l’ora di portare un po’ di sano fair play hyrkaniano in questi giochi…

Si aprono le iscrizioni
Si aprono le iscrizioni

Sostenitrice dei Giochi di Gita è la spietata regina di Athos: l’affascinante Sortilej, che come Sonja non sente il bisogno di vestirsi più di tanto. Ella non è solo desiderosa di compiacere il proprio popolo athosiano con quella crudele manifestazione, ma vuole anche assicurarsi l’eliminazione fisica degli zatoziani piu forti.
Però a forza di truccare i giochi Sortilej ha ottenuto un risultato inaspettato: gli athosiani sono ormai molli e inutili: dov’è finita la razza guerrieri? Per questo la regina ha costruito in segreto una razza di uomini d’acciaio, forgiati nell’oscurità del castello per essere feroci combattenti muti e senza cervello.
Iniziati i giochi e liberati gli uomini d’acciaio, questi rimangono indifferenti alle parole di fuoco che Red Sonja – schierata con gli zotoziani – rivolge loro: non prestare attenzione ad una donna è sempre pericoloso…

RedSonja15_B

Red Sonja può essere sconfitta… forse anche uccisa… Ma per Erlik, non sarà ignorata!

Messa a posto la violenza dei bruti, iniziano i giochi e l’hyrkaniana vince ogni gara con la furia e la determinazione che la contraddistinguono.

Sonja Olimpionica!
Sonja Olimpionica!

Alla fine rimane solo un avversario, anzi… un’avversaria: la fiera regina Sortilej, che si rivela perfettamente alla pari con la nostra Diavolessa.

Regina contro Guerriera
Regina contro Guerriera

Dopo alcune gare finite in parità, non rimane che lo scontro corpo a corpo, e mentre Sortilej sta perdendo tempo in vuote minacce, Sonja già l’ha sbattuta per terra e presa a calci nel regale deretano: a nulla varrà invocare la dea Gita e trasformarsi in ragnone, il destino della regina è già scritto.
Sconfitta la bieca sovrana, Athos e Zotoz posso tornare ad essere città amiche, ed entrambe invocano a gran voce Red Sonja come nuova regina, ma lo sappiamo: l’hyrkaniana non può fermarsi in un solo posto, è una guerriera nomade e solitaria e prosegue il suo viaggio.

Scheda etrusca:

I giochi di Gita (Web of the Spider Queen!) di Roy Thomas / Clara Noto e Frank Thorne
da “Red Sonja” n. 3 (maggio 1977), Marvel Comics
in Italia, “Conan il Barbaro (Colore)” n. 57 (novembre 1993), Comic Art
Traduzione di Pier Luigi Gaspa

L.

Annunci