Predator – Life and Death 1 (2016)

Cover di David Palumbo
Cover di David Palumbo

Come anticipato, questo marzo inizia una nuova ghiotta saga di Predator, targata ovviamente Dark Horse Comics. Ricordo che il personaggio è abbondantemente trattato da questo blog, per ora nelle sue storie inedite ma presto il viaggio si allargherà anche a quelle uscite in lingua italiana.
Ecco dunque l’avventura “Predator: Life and Death 1“, l’inizio di una nuova saga tra più testate, che continuerà su “Aliens” e “Prometheus”.

Ai testi troviamo il britannico Dan Abnett dalla produzione sterminata (per la Dark Horse ha scritto quel gioiellino di Dark Ages) mentre i disegni sono curati da Brian Thies (per la Dark Horse ha curato Star Wars: Legacy).

Predator 2016-1cNella precedente grande saga, Fire and Stone, eravamo rimasti alla “data astrale” 9 aprile 2219 sul planetoide LV-223, le cui condizioni stanno mutando velocemente per colpa del black goo: l’acceleratore evoluzionistico degli Ingegneri. (Se non sapete di che sto parlando, vi consiglio di vedervi Prometheus di Ridley Scott e poi di leggervi i miei post del ciclo Fire and Stone!)
Non sappiamo ancora la connotazione temporale di questa nuova storia di Predator, ma lo scopriremo strada facendo.

I nomi delle astronavi sono ormai agli sgoccioli, così siamo a bordo della… Hasdrubal, nell’orbita di LV-797: l’equipaggio consta di 33 Colonial Marines.
La capitana Paget ha avuto incarico dalla Weyland-Yutani di investigare sugli avamposti umani del pianeta – che è chiamato colloquialmente Tartarus – per assicurarsi che gli impianti funzionino a pieno regime e non ci siano “infiltrazioni” esterne. In pratica, per la prima volta la Weyland-Yutani ha una compagnia rivale, la Seegson, e teme che questa stia reclutando lavoratori specializzati nei lontani avamposti della galassia, quella specie di frontiera dove la legge terrestre stenta ad arrivare.
La missione di Paget ha ovviamente un osservatore della Compagnia: il signor Lorimer. In pratica, il Burke di turno!

Già è pronto il comitato di benvenuto...
Già è pronto il comitato di benvenuto…

Atterrati su Tartarus, scatta una citazione a sorpresa:

– Fa caldo.
– Sì, ma è un caldo secco.

La Dark Horse vuole bene ai fan e in questa saga usa tutte le strutture militari viste nell’Aliens di Cameron – il film che ha dato vita allo sterminato universo degli Alien Comics – e quindi in ogni pagina il vostro cuore xenomorfo esulterà.
Comunque Lorimer scopre che si è avverato il peggior incubo della Compagnia: tutte le strutture presenti negli avamposti umani di Tartarus portano la marca Seegson! La povera Weyland-Yutani non è più l’unica regina della galassia…

Il problema ovviamente passa in secondo piano quando i nostri marine scoprono il ben noto relitto alieno forma di ferro di cavallo, ricoperto da vegetazione a riprova che è lì da tempo.
Cosa è successo su Tartarus? Perché l’unico umano trovato nell’impianto Weyland-Yutani dice ai soldati che hanno sbagliato ad atterrare sul pianeta? Ci sarà tempo nei prossimi numeri per cercare una risposta: ora è tempo che i Predator giochino alla caccia con i Colonial Marines….

La stagione della caccia è aperta
La stagione della caccia è aperta

Primo numero spettacolare, che riesce a ricreare le atmosfere inquietanti del film di Cameron pur se si sposa con il nuovo universo alieno creato dal grande progetto Fire and Stone.
Consigliatissimo, ed è un peccato dover aspettare un mese…

L.

– Ultimi post su Predator:

Annunci

7 commenti

  1. Meraviglia! Hai ragione peccato dover attendere, poi è da un pò che ho voglia di rispararmi sia la saga di “Predator” che quella di “Alien”, per ora tengo a bada la scimmia con i tuoi post fumettistici 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Buona idea l’aver introdotto una concorrente della Weyland-Yutani in questo universo: vedremo se riuscirà a superarla in astuzia, cinismo e spietatezza (oltre ai classici tentativi di usare gli alieni come arma biologica)… Purtroppo, per quanto buone siano le storie, qua si continua a ignorarle senza nessun ripensamento 😦

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...