CamionistaNS8Dopo diversi post sulla mitica testata “Il Camionista” della Editrice Squalo, ecco un numero dalla “nuova serie”: il numero 8 (agosto 1988) dal titolo “Dieci giorni senza farlo andare”.
Il tutto introdotto e seguito da una donnina nuda: fotografata, non disegnata.

Il nostro ben noto eroe Mario Vergone si è attardato nel riportare il suo camion in ditta, la Trasportango, e si ritrova a mezzanotte a guidare per vie solitarie. La radio avverte che il passaggio di comete crea strani effetti di luce nel cielo e Mario scende dal camion per gustarseli.
Risalito, scopre che la radio sta raccontando che un’antica leggenda narra che chi fissa quelle luci nel cielo, come ha appena fatto lui, può diventare omosessuale o impotente!
(Un curioso luogo comune degli ignorantissimi anni ’80 accomuna questi due fenomeni totalmente diversi tra loro: potete trovare questo stupido modo di pensare in molti film italiani del periodo.)

Come potete ben immaginare… a volte le leggende sono vere!

CamionistaNS8aPresentatosi dall’amica Antonella per una intera giornata di olimpiadi del sesso, Mario scopre ben presto che il suo “atleta migliore” non vuol saperne di scendere in campo: per la prima volta nella sua vita, il Vergone è impotente!
Altri hanno visto quelle luci nel cielo, e infatti Rino – il direttore della Trasportango e quindi capo di Mario – diventa d’un tratto omosessuale e cerca di portarsi a letto tutti i suoi dipendenti, licenziando chi non ci sta.
Come la celebre epidemia zombie provocata dalla cometa, una epidemia ben peggiore è in corso: e anche in questo caso tocca ricorrere a qualche professorone.

Affidatisi al professor Antonio Salati, esperto planetario, ben presto la situazione si risolve da sola: altro che centomila a visita che pretendeva il professorone!

CamionistaNS8bDiscorso diverso per Rino, vittima di omosessualità da cometa. Per evitare che distrugga la ditta, nella sua ricerca di un amante, viene legato come un salame e la dirigenza passa a sua moglie, che all’inizio sembra imbranata ma poi ci prende gusto e porta avanti ottimi affari. Insospettito, Mario va a casa del capo… e lo trova ancora legato, benché guarito.
Mentre i due coniugi appianeranno le questioni aziendali, il nostro eroe torna alla vita di sempre: il Vergone non si ferma mai!

L.

– Ultimi post simili:

Annunci