Indiana Pipps (1988) Un eroe italiano

Cover di Marco Gervasio
Cover di Marco Gervasio

In occasione dei 35 anni de I predatori dell’arca perduta, e dello specialone sui vari film organizzato dalla Bara Volante di Cassidy, ne approfitto per ripescare i libri che presentano le novelization dei vari film.
Segnalo anche le altre mie iniziative per festeggiare il film:

  • Gli Archivi di Uruk” con la novelization del terzo film
  • IPMP” con la locandina sui giornali dell’epoca.

Nell’agosto del 1988 Steven Spielberg ed Harrison Ford sono a Venezia per girare alcune scene del terzo film di Indiana Jones, che esattamente un anno dopo proprio a Venezia sarà presentato in un’anteprima mondiale.
IndianaPipps1724Non so oggi – sono decenni che non lo leggo – ma il settimanale “Topolino” dell’epoca era sempre molto attento ad ogni evento mediatico italiano, così Bruno Sarda ha un mandato: creare la versione Disney italiana di Indiana Jones.
Con i disegni della storica illustratrice milanese Maria Luisa Uggetti l’11 dicembre 1988 nasce Indiana Pipps.

Il numero 1724 del settimanale a fumetti presenta l’avventura doppia “Topolino e Pippo in: I predatori del tempio perduto“, e permettetemi un moto di orgoglio nel sottolineare che la storia è stata ristampata in un gran numero di lingue e in Paesi sparsi nel mondo.
Di solito il nome del personaggio diventa Indiana Goofys o similari, ma gli americani non ci stanno e così quando nel maggio 1991 la storia The Lost Temple finisce nella testata “Goofy Adventures” n. 12 (con in copertina Pippo vestito da Indiana Jones) il nome del personaggio diventa… Arizona Goof!

IndianaPipps1724aDa allora il personaggio italiano ha vissuto vita propria ed è arrivato anche in Cina, ma le antologie italiane di solito presentano solo le storie nostrane.

IndianaPipps1724bPer un pelo io non ho conosciuto all’epoca il personaggio: proprio nell’estate del 1988 è esplosa la mia passione per Tex Willer e nell’ottobre successivo per Dylan Dog, al che ho iniziato a vendere tutti i miei Topolino per comprare gli arretrati dei due personaggi Bonelli. (Solo Tex, in realtà: come sa bene chi collezionava Dylan Dog all’epoca, era totalmente impossibile scambiarli, era il fumetto più prezioso d’Italia e un qualsiasi arretrato era venduto mediante baratto umano!)
Per questo è facile che a dicembre del 1988 già non comprassi più “Topolino”, o se lo facevo comunque non leggevo più le storie con l’intensità e la ripetitività degli anni precedenti.

IndianaPipps1724cIndiana Pipps l’ho scoperto solo alcuni anni fa, e questo mi ha impedito di apprezzarlo. Sicuramente è una bella idea per un personaggio, ma io amavo il Pippo pasticcione e imbranato, quindi la versione avventurosa (soprattutto moderna) proprio non mi convince: meglio il primo Pipps, buffo e combina-guai, che quello più recente.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

4 pensieri su “Indiana Pipps (1988) Un eroe italiano

  1. «Pippo? Si chiamava il tuo cane “Pippo”…»
    «Ho un sacco di bellissimi ricordi di quel cane!»

    Quando devo affrontare un lungo viaggio mi porto sembra da leggere (ovviamente) ma fin da bambino ho una tradizione, prima di partire raggiungo l’edicola più vicina ha compro qualcosa da leggere che mi ispira lì sul momento. Questa tradizione è iniziata proprio con un volume dedicato ad “Indiana Pipps” che negli anni ho riletto svariate volte, ora non posso stare in un aeroporto o in stazione senza essere colto da questo riflesso condizionato, anche per questo a questa stramba versione di Indy voglio un gran bene 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Il baratto umano, già. Già. Per fortuna poi che cominciarono a pubblicare la prima e la seconda ristampa, per non parlare degli albi “riprezzati” col bollino adesivo ^_^
    Sicuramente nell’88 Topolino non lo prendevo praticamente più, se si escludono albi sporadici qua e là (e dal ’90 in poi nemmeno quelli), per cui di certo nemmeno io ai tempi ho conosciuto Indiana Pipps in edicola…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...