ultimissime17

Ancora negli anni Novanta giravano questi fumetti erotici, ma questo numero 17 (giugno-luglio 1992) della testata “Ultimissime Proibite” presenta due semplici storie autoconclusive, quindi non mi stupirebbe scoprire che sono ristampe.
È incredibile quanto la cronaca nera piaccia al grande pubblico, e sono davvero tante le testate che promettono di raccontare vere storie di cronaca virate al porno: questa è una di quelle.

Con la prima storia, “Tumefazioni proibite“, conosciamo Fausto, un giovane che ha una perversione particolare: raggiunge l’orgasmo solo quando fa sesso con donne “peste”. Quando trova una donna con un occhio nero va in visibilio: ama vederle picchiare o spupazzarsele una volta piene di lividi.

ultimissime17a

Lo vediamo stuprare una donna già vittima di abusi del marito, e poi trovare in strada una mendicante senza famiglia e con un occhio pisto: un’occasione perfetta!
Peccato che, una volta portata a casa e ripassata a dovere, scopra che è una drogata… e Fausto ha dei princìpi ferrei: non vuole avere nulla a che fare con la droga!

Poi rimorchia una ragazzetta slava – è il periodo in cui l’invasione dall’Est era soprattutto nell’immaginario collettivo – e la giovane sembra la preda perfetta. Peccato che invece porti Fausto dai propri fratelli, che sapranno come sistemare l’ardimentoso pervertivo.

ultimissime17b

Nella seconda storia, “Morte di un ubriacone“, ci troviamo davanti ad un vero e proprio giallo, con un commissario che indaga noiosamente come se ci trovassimo nel più banale dei romanzetti gialli.

L’unico elemento sessuale è il fatto che l’assassina del morto, sua moglie, aveva fatto impazzire di piacere due sbandati perché le uccidessero il marito ubriacone. Una storia davvero da dimenticare.

ultimissime17c

Storielle veloci però stirate parecchio, dove – nella mia piccola esperienza in questo campo – la prima è sempre più curata della seconda.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci