Red Sonja – Volume 4 (2017) 1

Cover di Nick Bradshaw
Cover di Nick Bradshaw

Dopo il deludente Volume 3 (2016) di Red Sonja, funestato sia dall’operazione di ri-vestimento che da un reboot poco ispirato, il 2017 inizia con i fuochi d’artificio, come già anticipato dal numero zero.
L’hyrkaniana arriva nella New York dei giorni nostri con questo “Red Sonja. Volume 4” scritto da Amy Chu e disegnato da Carlos Gomez.

redsonja1a«Naked woman swinging a sword»: così la polizia di New York definisce la misteriosa donna con la spada che sta imprecando in hyrkaniano. Red Sonja è arrivata in città!
Un sortilegio di Kulan Gath ha trasportato la Diavolessa al di là del tempo e dello spazio, nel nostro mondo… che però rischia di rimanere “nostro” per poco.

Il perfido stregone, vestito come uno dei grandi affaristi che sta distruggendo il pianeta, manda i suoi schiavi – vestiti da dottori – a prendersi cura di Sonja, arrestata e disarmata dalla polizia, ma non bastano a fermare l’hyrkaniana.
Fuggita e infreddolita dal clima newyorkese, la nostra eroina ora deve cercare di capire come affrontare la situazione, straniera in terra straniera, fuori dal suo tempo e circondata da persone che non capiscono la sua lingua… ad eccezione di una giovane recluta cinese, cha sembra l’unico in grado di comunicare con lei. (In quale lingua però non ci viene specificato.)

Comincia col botto e con applausi scroscianti l’avventura del 2017 di Sonja, che va a risarcirci della noia vissuta nel 2016 con il ridicolo tentativo di reboot per un (fantomatico) pubblico femminile.

redsonja1b

Già nel numero zero la Dynamite ha inserito una piccola intervista all’autrice, Amy Chu, per parlare della nuova Sonja, from Hyrkania to the Big Apple.
redsonja1cL’autrice ricorda che un esperimento di salto temporale «è già stato fatto da Chris Claremont e John Byrne in “Marvel Team Up” n. 79 (1979) con Spider-Man. E qualcosa di similare anche nel 1985 con “What If? Conan were stranded in the 20th century”: queste due storie hanno già brevemente toccato l’argomento. Nessuno dei personaggi è stato trasformato dall’esperienza di ritrovarsi avanti nel futuro. Per Red Sonja, se ci pensate, il nostro presente è la sua “esperienza fantascientifica”: lei è il Fray di Futurama. Ok, non proprio… però è stato affascinante per me inserirla in un mondo completamente diverso e vedere come vi si adatta.»

Riguardo al disegnatore Carlos Gomez, Amy afferma che ama «vedere un tale artista di talento lavorare alla sua interpretazione di Sonja e del copione. Ogni pagina che tira fuori è splenida ma c’è anche una piacevole sorpresa in ogni tavola che presenta: non so se i lettori capiscano quanto lavoro c’è dietro queste pagine. Carlos ha arricchito il tutto con la sua bravura superiore e spero che tutti, specialmente i nuovi lettori, vorranno apprezzarla. Non ne rimarrete delusi.»

Non sono un nuovo lettore… ma apprezzo!

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com

4 pensieri su “Red Sonja – Volume 4 (2017) 1

  1. La copertina mi ha fatto pensare “ma che cazz…”.
    Però l’idea di Red Sonja a New York mi ha fatto proprio pensare a quella sua sortita nella grande mela con l’Uomo Ragno e Mary Jane, storia che come sai apprezzo per motivi affettivi, quindi per quello che vale, Amy Chu si è guadagnata in un attimo la mia benevolenza 😉

    I disegni sono bellissimi, fa un po’ ridere l’idea della polizia che cerca di fermare Sonja, probabilmente scambiandola per una delle Femmes (quasi in topless) impegnata a protestare contro Trump 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Ohh, finalmente è tornata la Sonja che tutto quanto il VERO pubblico stava aspettando (e, non secondariamente, un Kulan Gath degno di tal nome) 😉 Tra un po’ diventerà di casa a New York, con tutti questi sortilegi spazio-temporali… tenendo conto anche dell’altro team-up Dynamite/Marvel sempre con il nostro tessiragnatele di fiducia 😉

    Liked by 1 persona

    1. La vera domanda di questa nuova serie è: come farà la Dynamite ad ambientare la storia a New York SENZA citare l’esercito di supereroi che qui opera? ^_^
      Comunque è un inizio splendido e c’è da ben sperare.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...