Red Sonja (2019) Birth of the She-Devil 1

Cover di Lucio Parillo

Ormai Red Sonja “rinasce” tanto quanto Spider-Man: non fai in tempo a voltarti ed è di nuovo tempo di raccontare le origini per la milionesima volta. Mentre la rinascita di questo 2019 ad opera di Mark Russell si perde in una storia di guerra inutilmente complicata e verbosa, Luke Lieberman, produttore di un filmato d’animazione del 2016 della Diavolessa con la Spada, fra i primissimi autori dell’epoca Dynamite (giunto anche in Italia, come si vede dalla sua scheda ComicsBos) prova a far rinascere ancora il personaggio con “Red Sonja: Birth of the She-Devil“, che trovate su Amazon in digitale.

Gli spettacolari disegni del brasiliano Sérgio Dávila ci portano indietro nel tempo, quando Red Sonja aveva 18 anni e già si comportava esattamente come avrebbe fatto da adulta, dimostrando immediatamente la profonda inutilità dell’assunto iniziale: perché ritrarla giovane se tanto si ubriaca, ruba ed ammazza gente come ha sempre fatto da adulta? Non è che ci troviamo davanti all’ennesima tristissima paraculata per acchiappare lettrici giovani, in realtà inesistenti?

Comunque la giovane Sonja sta cercando Shashana, lontana amica d’infanzia che deve salvare, e ci si chiede: i flashback in cui le due ragazze si allenano insieme dovrà riferirsi sì e no a un paio d’anni prima, altrimenti non ha senso la storia. Perché invece non ritrarre Sonja adulta che cerca un’amica d’infanzia? Va be’, troppe domande…

Intanto un culto religioso composto da crudeli assassini sta arrivando in città, e probabilmente nei prossimi numeri Sonja dovrà affrontarli con qualche trovata del tutto fuori luogo.
Un albo inutile fatto solo di pose fighette del personaggio: ormai della povera hyrkaniana c’è da salvare solo gli ottimi disegni di cui è protagonista…

Cover di Sérgio Dávila
Cover di Jee Hyung Le
Cover di John Gallagher
Cover di Gerald Parel
Cover di Kunnka
Cover di Mike Choi

L.

– Ultimi post simili:

6 commenti

    • Purtroppo negli ultimi anni è così 😛
      La Dynamite nel 2005 è riuscita a recuperare un personaggio morto per vent’anni, dopo il massacro totale del film di Dino De Laurentiis del 1985, ma dopo dieci anni di storie ha cominciato a non saper più che farci e ormai ad ogni numero lo reinventa. Per fortuna ha ottimi disegnatori e ogni albo ha tipo dieci Variant Cover, una più bella dell’altra 😛

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.