Something is Killing the Children (2019) 1-2

Cover di Werther Dell’Edera

Ci sarà un motivo se il secondo numero di “Something is Killing the Children” (disponibile in digitale su Amazon) è andato esaurito prima ancora di arrivare sugli scaffali delle fumetterie americane. Non conosco lo scrittore James Tynion IV, ma di una cosa sono sicuro: sa come si scrive un cazzo di incipit.

In un universo sconfinato come quello del fumetto americano, dove nuove storie nascono ogni battito di ciglia, attirare l’attenzione è davvero una missione impossibile. Per farlo, serve qualcuno che sappia usare il medium fumetto al massimo, che sappia raccontare una storia non necessariamente complessa o ricca, ma principalmente intrigante. E per farlo servono bei personaggi: appena il lettore si affeziona al personaggio, il gioco è fatto.
Come può un autore con una manciata di vignette catturare subito l’attenzione di un lettore? James Tynion IV ci riesce alla grande.

Incontrata per caso questa serie in corso – con i suggestivi disegni di Werther Dell’Edera – l’ho spulciata con un occhio solo, quindi ero quanto di peggio potesse capitare ad uno sceneggiatore: un lettore occasionale poco interessato. Un incubo, per chi debba raccontare una storia.
A pagina 6 ero già perdutamente conquistato…

Una serata fra amici finita male. Molto male.

Verità o penitenza? Una serata fra amici, quattro ragazzini da soli in casa: cosa c’è di più crudele? James accetta la verità, e deve rispondere ad una domanda terribile: qual è la cosa più spaventosa che abbia visto recentemente?
Sembra una citazione da Ai confini della realtà (1983): vuoi vedere qualcosa di spaventoso? James ha visto qualcosa di spaventoso, ed inizia a raccontarlo agli amici. Che non gli credono. Prima ridono… poi gridano… Poi il sangue copre tutto.

I mostri sono arrivati ad Archer’s Peak.

Bambini e mostri a forma di ragno…

Ma i mostri non esistono, infatti nessuno li vede. Come si fa a combattere contro qualcosa che non esiste? Però qualcosa si vede: i cadaveri che i mostri si lasciano dietro.
La polizia brancola nel buio, la comunità sbriga la faccenda dando la colpa a James, come se un ragazzino occhialuto e timido potesse compiere un simile massacro. Nessuno sembra davvero occuparsi della questione… finché dal bosco esce una ragazza dagli occhi spiritati. Una cacciatrice di mostri.

E siamo solo a pagina 9 del primo numero!!!

La cacciatrice raggiunge Archer’s Peak, perché riconosce l’operato dei mostri. Trova James e i due fanno amicizia in modo strano.

James: Mi farai del male?
Cacciatrice: Probabilmente no.

James non ha più niente da perdere, la cacciatrice non ha mai avuto nulla se non un coltello e la capacità di uccidere ciò che nessuno sa anche solo vedere. Il patto di sangue viene stretto.

Il patto è stretto

Con una narrazione ridotta all’osso – niente grassi insaturi! – e con personaggi fulminanti che devono catturare subito l’attenzione appena entrano in scena, inizia uno splendido fumetto, una vera sorpresa: ogni dialogo è studiato al centesimo, e già al secondo numero voglio una serie regolare con questi due cacciatori di mostri assolutamente lontani da qualsiasi schema.

Una ragazza che si dà da fare

Ad ogni vignetta intuiamo qualcosa di più dal passato misterioso dei due protagonisti, e ad ogni pagina il mistero si infittisce. Perché sarebbe bello un mondo dove i mostri sono solo là fuori. Il brutto, è che sono anche dentro di noi…

Mi aspetto grandi cose da questa saga Boom! Studios che avrà in totale 5 uscite: se non svacca, rischia di essere fra le migliori uscite dell’anno!

Cover di Werther Dell’Edera

L.

– Ultimi post simili:

11 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.