TitoTex – Il ragazzo rapito (2017)

Cover di Claudio Villa

Ci sono congiunzioni astrali che non possono essere ignorate. Come per esempio leggere una storia di Zagor del 2021 (come già raccontato) che inizia con i due protagonisti che entrano in una baracca nel bosco dov’è appena avvenuta una strage, e l’ultimo sopravvissuto rivela un indizio prima di morire. Tutto questo, nei giorni in cui a letto, prima di dormire, sto leggendo una storia di Tex che inizia con i due protagonisti che entrano in una baracca nel bosco dov’è appena avvenuta una strage, e l’ultimo sopravvissuto rivela un indizio prima di morire. Per caso ho trovato una falla in Matrix? No, ho trovato due storie di Tito Faraci.

Quando un incipit funziona così bene che lo riusi per un’altra testata

Lungi da me criticare Tito, che gli voglio bene da trent’anni, e ovviamente le storie sono completamente diverse, ma è innegabile che l’incipit sia decisamente simile. Mentre però poi Zagor e Cico vanno a sventare i piani criminali di un bieco affarista che spadroneggia in paese, Tex e Carson… ehm… vanno a sventare i piani criminali di un bieco affarista che spadroneggia in paese. Va be’, ma quella è la trama base di ogni western esistente, non facciamo i maligni!

Con “Il ragazzo rapito” (nn. 676-677, febbraio-marzo 2017) Tito mi regala finalmente una piacevole storia di Tex, dopo troppi numeri dove Boselli dimostra tutta la sua arte di allunga-brodo: meno male che fra una storia infinita e l’altra c’è anche qualche autore che ci regala qualcosa di buono.

E non solo qualche autore bravo come Tito Faraci, ma un disegnatore da applauso come Gianluca Acciarino, davanti a cui mi tolgo il cappello e spero di cuore di vederlo molte altre volte, in questa testata che sto recuperando.

I disegni di Gianluca Acciarino regalano mille punti alla storia

L’incipit è di quelli potenti. Una banda di criminali penetra in una casa nel bosco e spara al proprietario: quando dalle scale si affaccia il giovane figlio della vittima, nasce un bel problema. I criminali sono pronti a risolverlo, basta ammazzare pure il bambino, ma d’un tratto uno di loro rivolta la pistola contro i propri complici e li fa fuori tutti. Fuggendo con il bambino. Chi è quest’uomo? Cosa l’ha portato in quella casa e perché ora vuole difendere il figlio di una sua vittima?

I nostri due pard capitano per caso sulla scena del delitto e, capito subito che lo sceriffo locale non è minimamente degno di fiducia, iniziano ad indagare per conto loro (e a modo loro), dando occasione ad Acciarino di regalarci vignette sempre più belle ed “effettate”, con giochi di luce e virtuosismi di “inquadratura”.

Ogni vignetta di Acciarino è un piacere a sé stante

C’è del marcio in città, come c’è del marcio in ogni città del West, ma Tex e Carson sapranno dare una bella ripulita, come sempre.

Tizzoni d’inferno in azione: va’ che frange svolazzanti che c’ha Carson!

I nostri due eroi fanno il loro mestiere, ma non sono protagonisti della vicenda, che invece (e per fortuna) è tutta imperniata sul rapporto tra il criminale Bowen, pistolero sopraffino, e il suo giovane ostaggio che si trasforma subito in un sostituto di figlio. Man mano che i due procedono nel loro viaggio verso una meta ignota, tramite i ricordi noi lettori cominciamo a capire la vicenda pregressa e che ruolo abbia Bowen nel marcio in città.

Una storia media (dura due soli albi) tutta da gustare grazie agli ottimi disegni e a personaggi meno stereotipati di quel che possa sembrare.

Evviva Tito, che t’ha ritinto il Tex!

L.

– Ultimi fumetti di Tex:

– Ultimi fumetti di Tito Faraci:

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.