Alien: Annual (Marvel 2022)

Cover di Salvador Larroca

Arriva luglio ed ecco puntuale l’uscita speciale annuale della Marvel, casa che non sembra più molto interessata allo xenomorfo ma che almeno continua l’usanza di questo numero speciale: Alien: Annual. Tocca accontentarci.

Phillip Kennedy Johnson, sempre lui, e sempre con gli ottimi disegni di Salvador Larroca, ci porta nel 2193, anno in cui Newt ed Hicks vivono la loro avventura sul pianeta d’origine alieno, in un universo narrativo ormai lontano. Qui invece siamo sette anni prima del primo capitolo Marvel, e i ribelli che stanno colpendo sempre più la Weyland-Yutani si fanno pericolosi.

Non sembra stiano costruendo mondi migliori

I ribelli hanno preso possesso di Nishimura Station e la Compagnia non può permettere di mostrarsi tenera o addirittura arrendevole: è il momento di provare l’organismo sul terreno. Si organizza una squadra d’attacco (Fireteam) con a capo il responsabile della sicurezza di Epsilon Station, Gabriel Cruz (cioè il protagonista del primo capitolo marvelliano e forse parente del dottor Cruz del romanzo Aliens: Infiltrator) e con alcuni sintetici di vecchia scuola: quelli che non si facevano problemi a sparare agli umani.

Si parte tutti a bordo della USS Francis Marion, dove il sintetico Charlie cerca di servire al meglio soldati umani ben poco disponibili: avevano chiesto un modello Bishop, più empatico, invece gli hanno affidato un combat job, un modello grezzo. L’importante è che sia funzionale, e sappia avvicinare l’ovomorfo che la nave trasporta al prigioniero condannato a fare da incubatrice.

Il lavoro di un sintetico non finisce mai

La missione è semplice: creare al volo uno xenomorfo fresco di giornata, buttarlo nella Nishimura Station e aspettare che massacri tutto ciò che si muove. (Temo che il salvare il personale di stazione non fosse nei piani della Compagnia.) Il problema è che i ribelli non sono rimasti con le mani in mano e si sono portati armi capaci di danneggiare la Marion, che – una volta colpita – si ritrova alla deriva… con uno xenomorfo fresco di giornata!

Si incontrano sempre, un Colonial Marine e un alieno

Johnson si destreggia fra alcune ghiottissime citazioni per far contenti i fan (e lo ringrazio), un discreto slalom per far corrispondere la storia al nuovo universo alieno del 2021 – che in fondo lui stesso sta scrivendo per la Marvel – e non da ultimo una storia intrigante, con discrete sorprese che non rivelo.

Avrei tanto sperato che l’acquisizione del marchio Alien avesse spinto la Marvel a tirare fuori più uscite speciali come questa, invece al contrario ha diluito all’eccesso l’uscita della serie regolare, quindi l’orizzonte è buio e tocca accontentarci delle briciole che la Casa delle Idee ci getta in terra.

L.

VISITATE IL MIO BLOG ALIENO!

Aliens Main Titolo

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.