Archivi tag: Dynamite

John Carter (2017) The End 1

Cover di Garry Brown
Cover di Garry Brown

A febbraio la Dynamite colpisce al cuore: come Logan, anche l’eroe John Carter viene sbalzato nel futuro per raccontarci un’avventura da anziano. Brian Wood (che abbiamo conosciuto con Aliens: Defiance) ed Alex Cox firmano un gioiello imperdibile: “John Carter: The End 1“, con i particolarissimi disegni di Hayden Sherman.

johncarter2017a

Siamo sull’arido e brullo pianeta-macchina di Titan, il triste e sconosciuto luogo dove si sono ritirati da anni John Carter e la moglie Dejah Thoris: i Signori di Marte da tempo hanno abbandonato il loro regno.
Quando arriva una navetta con intenzioni non molto pacifiche, i due si difendono ma alla fine viene risolto l’equivoco: è una missione di marziani giunta fin lì per chiedere aiuto ai due re anziani. Marte è caduta sotto il gioco di uno spietato dittatore, e solo loro possono aiutare a fermarlo.

John Carter e Dejah Thoris... anziani!
John Carter e Dejah Thoris… anziani!

Ancora arzilli, John e Dejah trovano ridicola la richiesta: come possono due vecchi aiutare un pianeta a scalciare un feroce dittatore? Quando i nuovi venuti mostrano dei filmati, l’universo crolla: il feroce dittatore è Den Thorkar… il figlio di John e Dejah…

johncarter2017cLa donna per anni ha pianto sulla tomba del figlio, ma ora scopre che John ne ha finto la morte per liberarlo da un’accusa di omicidio. La tranquilla vecchiaia è bella che finita.
I due accettano di tornare su Marte e trovano il fantasma dello splendore che era sotto la loro guida. C’è bisogno di intervenire… ma appena messo piede sul suolo Dejah Thoris scompare: vuole riabbracciare il figlio che per anni ha creduto morto… anche se ora è un dittatore sanguinario!

Non è più la Marte di una volta...
Non è più la Marte di una volta…

Storia esplosiva che inizia col botto e promette fuochi d’artificio. I disegni sono “strani” ma di grande effetto e lo spunto è di quelli che ti colpiscono duro: sono fomentatissimo e spero che questa saga regali altre grandi emozioni.

L.

– Ultimi post simili:

Vampirella (2017) 0

Cover di Philip Tan
Cover di Philip Tan

A febbraio 2017 la Dynamite rispolvera un suo personaggio un po’ appannato nel 2016, quando si è provato a rivestirlo: Paul Cornell e Jimmy Broxton curano “Vampirella 0“.

vampirella2017aUn’atmosfera psichedelica ci fa tornare con la mente agli anni Sessanta, quando Vampirella è nata e cresciuta con storie sempre più schizzate e insopportabili per chi non apprezzi quello stile “chimico”. Che sia un omaggio alle origini del personaggio per indicare che il tentativo di restyle è ufficialmente fallito? Che cioè rendere young adult una donna ne snatura il personaggio così come rivestire un’eroina mezza nuda non ha davvero senso?
Come per Red Sonja, nel 2017 la Dynamite ha capito che snaturare i suoi personaggi storici per cercar di catturare un fantomatico pubblico di giovani lettrici è un errore… così va a risvegliare Vampirella dalla tomba in cui lei stessa l’ha infilata.

 

vampirella2017b

Dopo la deludentissima annata del 2016, con una trasferta hollywoodiana che presenta alcuni buoni spunti ma in generale è illeggibile, questo 2017 si preannuncia spettacolare.
I due strani figuri che risvegliano Vampirella dal sonno vengono divorati dalla donna per recuperare energie: non solo si torna al vestito originario… ma si mangia carne umana! Insomma, pare che quelle ragazzine a cui si puntava siano uscite dal mirino, e non posso che esserne felice.

vampirella2017c

Con i suoi splendidi disegni questo numero zero ci introduce ad un nuovo corso dell’eroina, bella grintosa e pronta alle emozioni forti d’un tempo: non possiamo che incrociare le dita ed aspettare un mese per iniziare.

L.

– Ultimi post simili:

Tarzan e Sheena: Lords of the Jungle (2016) 6

Cover di Felipe Massafera
Cover di Felipe Massafera

Giunge a conclusione la saga della Dynamite che gioca con due idoli come Tarzan e Sheena – nati rispettivamente nel 1912 (nei romanzi di Edgar Rice Burroughs) e 1937 (nei fumetti di Will Eisner).
Ecco ad agosto 2016 “Lords of the Jungle 6“, scritto da Corinna Bechko (Lara Croft and the Frozen Omen, Aliens vs Vampirella, Miss Fury) e disegnato dall’argentino Roberto Castro, nome storico del Tarzan della Dynamite ma anche della saga Warlords of Mars.

Tarzan e Sheena nella terra di Terminator!
Tarzan e Sheena nella terra di Terminator!

Mi sarei aspettato qualcosa di più dall’ultima puntata di questo scontro epico, ma a questo punto mi limito a constatare che il meglio la saga l’ha dato con il quinto numero.
lordsjungle6bQui Sheena e Tarzan – dimenticandosi totalmente di Jane – si tuffano in un varco spazio-temporale per inseguire la donna misteriosa che sta cercando di ucciderli, raggiungendola… nella Los Angeles del futuro!

Capite le potenzialità di una storia in cui il re della giungla dell’800 e la regina della giungla del primo Novecento si ritrovano nel tempo di Terminator? Confesso che leggendo stavo lì a torcermi le mani: ok, la Dynamite non ha più il copyright… ma magari ora esce un T800 e la storia esplode!
Purtroppo non va così, e del futuro vediamo solo un giardinetto dove avviene un blando scontro finale tra Laine e i due signori della giungla.

lordsjungle6cUn pizzico di commozione scatta nel finale, quando finita la “missione” Sheena trova il varco che la riporterà nel suo tempo, con giusto un attimo per salutare Tarzan.

La donna si risveglia circondata dal suo mondo e dai suoi amici, e giustamente si chiede: e se fosse stato tutto un sogno? Arriva in quel momento un anziano Uomo Leopardo a portarle un dono: una foto di Tarzan e Jane che ringraziano la regina della giungla del suo aiuto. Un regalo che da decenni aspettava di essere consegnato.
Ok, la trovata è da lacrimuccia e il finale plastico da applauso. Però… uno scontro con Terminator potevano pure farlo!!!

L.

– Ultimi post su Tarzan:

– Ultimi post sulla Dynamite:

Tarzan e Sheena: Lords of the Jungle (2016) 5

Cover di Roberto Castro
Cover di Felipe Massafera

Riparto da dove mi ero fermato con la saga della Dynamite che gioca con due idoli come Tarzan e Sheena – nati rispettivamente nel 1912 (nei romanzi di Edgar Rice Burroughs) e 1937 (nei fumetti di Will Eisner).
Ecco a luglio 2016 “Lords of the Jungle 5“, scritto da Corinna Bechko (Lara Croft and the Frozen Omen, Aliens vs Vampirella, Miss Fury) e disegnato dall’argentino Roberto Castro, nome storico del Tarzan della Dynamite ma anche della saga Warlords of Mars.

lordsjungle5a

Non nego che la storia non fa molto per lasciarsi seguire, e leggo un po’ velocemente, tanto il concetto rimane quello: c’è Laine, questa misteriosa donna del futuro, che sta aprendo varchi spazio-temporali a destra e a manca per uccidere Tarzan, e non è che ho capito bene perché. Gli starà antipatico.

lordsjungle5b

Quello che conta è che la Bechko si sta divertendo un mondo con la secchiata di personaggi che la Dynamite le ha affidato, e soprattutto in questo numero c’è l’ammucchiata totale.
Tarzan, Jane, Cheeta, Sheena e il suo elefante si imbarcano… e vorrei proprio vedere la faccia del capitano quando si sono presentati con il pachiderma! Però poi in mare arriva Laine con i suoi uomini a colpire la nave col “laserone” ma per fortuna arrivano in soccorso… gli Uomini Leopardo!

lordsjungle5cMi immagino la sceneggiatrice con lo schema dei personaggi, a fare una battaglia come noi la facevamo da ragazzini con i pupazzetti, dove mischiavamo tutto e il generale Patton veniva battuto da Skeletor!
Ecco, lo spirito è lo stesso: una caciarata divertentissima che si chiude con Jane che esclama «Meglio che cucinare e cucire». Un piccolo messaggio femminista che la Bechko piazza al momento giusto.

Ora non rimane che affrontare l’ultimo salto temporale, quello verso il futuro, che vedremo nel prossimo numero.
La trama non sarà da Premio Eisner ma ci si diverte… a bestia! (Basta guardare Cheeeta.)

L.

– Ultimi post su Tarzan:

– Ultimi post sulla Dynamite:

Red Sonja – Volume 4 (2017) 1

Cover di Nick Bradshaw
Cover di Nick Bradshaw

Dopo il deludente Volume 3 (2016) di Red Sonja, funestato sia dall’operazione di ri-vestimento che da un reboot poco ispirato, il 2017 inizia con i fuochi d’artificio, come già anticipato dal numero zero.
L’hyrkaniana arriva nella New York dei giorni nostri con questo “Red Sonja. Volume 4” scritto da Amy Chu e disegnato da Carlos Gomez.

redsonja1a«Naked woman swinging a sword»: così la polizia di New York definisce la misteriosa donna con la spada che sta imprecando in hyrkaniano. Red Sonja è arrivata in città!
Un sortilegio di Kulan Gath ha trasportato la Diavolessa al di là del tempo e dello spazio, nel nostro mondo… che però rischia di rimanere “nostro” per poco.

Il perfido stregone, vestito come uno dei grandi affaristi che sta distruggendo il pianeta, manda i suoi schiavi – vestiti da dottori – a prendersi cura di Sonja, arrestata e disarmata dalla polizia, ma non bastano a fermare l’hyrkaniana.
Fuggita e infreddolita dal clima newyorkese, la nostra eroina ora deve cercare di capire come affrontare la situazione, straniera in terra straniera, fuori dal suo tempo e circondata da persone che non capiscono la sua lingua… ad eccezione di una giovane recluta cinese, cha sembra l’unico in grado di comunicare con lei. (In quale lingua però non ci viene specificato.)

Comincia col botto e con applausi scroscianti l’avventura del 2017 di Sonja, che va a risarcirci della noia vissuta nel 2016 con il ridicolo tentativo di reboot per un (fantomatico) pubblico femminile.

redsonja1b

Già nel numero zero la Dynamite ha inserito una piccola intervista all’autrice, Amy Chu, per parlare della nuova Sonja, from Hyrkania to the Big Apple.
redsonja1cL’autrice ricorda che un esperimento di salto temporale «è già stato fatto da Chris Claremont e John Byrne in “Marvel Team Up” n. 79 (1979) con Spider-Man. E qualcosa di similare anche nel 1985 con “What If? Conan were stranded in the 20th century”: queste due storie hanno già brevemente toccato l’argomento. Nessuno dei personaggi è stato trasformato dall’esperienza di ritrovarsi avanti nel futuro. Per Red Sonja, se ci pensate, il nostro presente è la sua “esperienza fantascientifica”: lei è il Fray di Futurama. Ok, non proprio… però è stato affascinante per me inserirla in un mondo completamente diverso e vedere come vi si adatta.»

Riguardo al disegnatore Carlos Gomez, Amy afferma che ama «vedere un tale artista di talento lavorare alla sua interpretazione di Sonja e del copione. Ogni pagina che tira fuori è splenida ma c’è anche una piacevole sorpresa in ogni tavola che presenta: non so se i lettori capiscano quanto lavoro c’è dietro queste pagine. Carlos ha arricchito il tutto con la sua bravura superiore e spero che tutti, specialmente i nuovi lettori, vorranno apprezzarla. Non ne rimarrete delusi.»

Non sono un nuovo lettore… ma apprezzo!

L.

– Ultimi post simili:

Army of Darkness / Xena (2016) 4

Cover di Ben Caldwell
Cover di Ben Caldwell

Quarto appuntamento per “Army of Darkness / Xena Warrior Princess: Forever… and a day“, scritto da Scott Lobdell e disegnato da Elliot Fernandez.
Riuscirà la faccia di schiaffi per eccellenza ad ammorbidire la guerriera dal manico di scopa perennemente infilato nel principesco sedere?

armyxena4aPer la quarta volta Xena si ritrova ad invocare l’aiuto di qualcuno mentre stinge a sé Gabrille morte, e la cosa comincia a diventare ridicola per la donna… ma irresistibile per noi lettori!

Intanto Ash viene chiamato per la quarta volta a viaggiare nel tempo e nello spazio (non sempre in questo ordine) fino a ritrovarsi nelle situazioni più assurde… tipo a baciare un’infermiera come nella celebre foto di Alfred Eisenstaedt dal titolo V-J Day in Times Square.
Ebbene sì, Ash è volato nella metà del Novecento e incontra… Janice Covington, che altri non è se non la versione alternativa di Gabrielle.
(Credo ce la Covington, di professione Relic Hunter, sia una citazione di qualche altro universo narrativo ma non l’ho capita: se ne sapete di più fatemi sapere…)

Ash e la Relic Hunter Janice Covington
Ash e la Relic Hunter Janice Covington

Ormai Ash sta facendo tanto casino che anche il Necronomicon si ritrova modificato!

Me lo ricordavo diverso, il Necronomicon...
Me lo ricordavo diverso, il Necronomicon

Irresistibile l’attacco dei Deadites nazisti a cui Ash e Janice devono tener testa, e come al solito si ritorna nel tempo di Ash, dove la sua povera cassiera lo sta aspettando per riuscire a consumare la sveltina più lunga della storia!
Divertente e dissacrante come ci ha abituato la Dynamite: Hail to the King!

L.

– Ultimi post simili:

Tarzan e Sheena: Lords of the Jungle (2016) 4

Cover di Roberto Castro
Cover di Felipe Massafera

Riparto da dove mi ero fermato con la saga della Dynamite che gioca con due idoli come Tarzan e Sheena – nati rispettivamente nel 1912 (nei romanzi di Edgar Rice Burroughs) e 1937 (nei fumetti di Will Eisner).
tarzansheena4aEcco a giugno 2016 “Lords of the Jungle 4“, scritto da Corinna Bechko (Lara Croft and the Frozen Omen, Aliens vs Vampirella, Miss Fury) e disegnato dall’argentino Roberto Castro, nome storico del Tarzan della Dynamite ma anche della saga Warlords of Mars.

Finalmente Sheena raggiunge Tarzan e Jane nella rutilante città, giusto in tempo per salvarli grazie al suo elefante… Ok, non ci viene spiegato come faccia la regina della giungla ad attraversare la città a dorso d’elefante senza che nessuno trovi quanto meno curiosa la scena, ma non facciamoci troppe domande.
Infatti poi parte lo spiegone per giustificare perché Tarzan e Jane scappino alla donna misteriosa che vuole ucciderli con un fucilone supertecnologico.

Il perché questa donna e il suo aiutante siano arrivati in questa dimensione ha poca importanza, quello che conta è che si impegnano in una battaglia che distrugge mezza città e ammirare il lavoro del disegnatore vale da solo la lettura di questo albo.

tarzansheena4bCosa faranno ora Tarzan, Jane e Sheena? Come affronteranno la donna del mistero? Lo scopriremo nella prossima puntata…

L.

– Ultimi post su Tarzan:

– Ultimi post sulla Dynamite:

Army of Darkness / Xena (2016) 3

Cover di Nick Bradshaw
Cover di Nick Bradshaw

Terzo appuntamento per “Army of Darkness / Xena Warrior Princess: Forever… and a day“, scritto da Scott Lobdell e disegnato da Elliot Fernandez.
Riuscirà la faccia di schiaffi per eccellenza ad ammorbidire la guerriera dal manico di scopa perennemente infilato nel principesco sedere?

armyxena3a

Gabrielle continua ad essere in fin di vita e finalmente Xena si rende conto… che è il terzo numero che si apre con la stessa scena! E in un guizzo metanarrativo si chiede come mai ha la sensazione che quella scena continui a ripetersi…

Il problema è che da tre numeri la principessa guerriera continua a chiedere aiuto ad Ash attraverso un varco spazio-temporale e il nostro eroe cialtrone continua a sbagliare: dopo essere tornato troppo indietro nel tempo, ed aver visto Xena neonata, ora sembra riuscire ad azzeccare la data. Ma c’è un problema… i suoi viaggi scriteriati hanno modificato il futuro di Xena!

armyxena3bIncontriamo così una donna alternativa: non una guerriera bensì una rude capitana di nave in un mondo oppresso da un regime tirannico.
Ash sa sempre come parlare alla gente e, dopo aver sparato qualche geniale stupidata delle sue, riesce ad essere ingaggiato sulla nave di Xena. Sfruttando anche una innegabile attrazione che la donna gli dimostra.
Infilarsi nel letto di Xena è sempre stato il sogno di Ash sin da quando sono iniziati i loro fumetti insieme, ma anche un noto mascalzone come lui ha dei rimorsi ad approfittarsi di un futuro alternativo: sa che quella non è la vera Xena, e questo lo inibisce. E per inibire Ash ce ne vuole…

armyxena3cLe profferte amorose della Xena marinara sono interrotte dall’approdo ad un’isola misteriosa, sbucata dal nulla, che porta un cartello curioso: Eden…
Ash chiede un favore alla donna, cioè se può strappare una pagina del Necronomicon: sappiamo che questo vuol dire che la realtà cambierà ancora… ma lo vedremo nel prossimo numero.

La serie si sta dimostrando eccezionale e divertentissima, Ash è irrefrenabile e dalle battute perfette: la Dynamite lo tratta coi guanti e i suoi albi letti finora li ho trovati irresistibili. Spero di cuore che continuino così, almeno soddisfo la mia voglia costante di groovy!

L.

– Ultimi post simili:

Red Sonja – Volume 4 (2017) 0

redsonjavol4_0

Il Volume 3 (2016) di Red Sonja è stato particolarmente deludente, per colpa sia dell’operazione di ri-vestimento che di un reboot poco ispirato ma anche – e, secondo me, soprattutto – per la insana voglia di rendere Sonja ggggiovane, un’eroina “urban fantasy” come se ne vedono a secchiate al cinema, nel ridicolo tentativo di acchiappare le giovane lettrici. (Che in realtà sono solo una leggenda: ma esistono davvero ragazzine che spendono soldi in fumetti???)
redsonjavol4_0bCosì un personaggio che da quarant’anni è stato rappresentato da una donna semi-nuda che uccide, si trasforma in ragazza vestita che è brava e buona e non uccide. Insomma, si trasforma in nulla.

Riuscirà la Dynamite questo 2017 a risollevarsi con una stagione migliore per la nostra hyrkaniana preferita? Lo scopriamo subito, visto che il numero zero esce questo dicembre.
Ai testi troviamo la giovane Amy Chu (che per la DC ha curato Poison Ivy e Wonder Woman ’77) mentre ai disegni c’è Carlos Gomez (che per la Dynamite cura la serie Pathfinder), che non so se è quel Carlos Gómez che in Italia è noto per Dago e Tex.
Preparatevi… perché cominciamo col botto!

redsonjavol4_0cTra l’Hyrkania e il Khitai ci sono le vestigia dell’antico regno di Meru, e qui la nostra Diavolessa con la Spada sta affrontando un enorme demone serpentuto. E lo sta affrontando con l’armatura-bikini che l’ha resa storica, quindi è chiaro che la Dynamite ha toppato: ragazze, andatevi a comprare i trucchi e gli orecchini, e lasciateci la Sonja mezza nuda!

redsonjavol4_0aDue chiappe sode e generose al centro della scena ci informano che la Red Sonja che tutti amiamo è tornata alla grande. Se però da una parte ha smesso gli abiti ridicoli che la Dynamite ha provato a farle indossare, certi vecchi abiti altrettanto ridicoli sono rimasti: lo so, è un gioco di parole con l’inglese habits (abitudini) che non rende in italiano, ma mi piace e lo lascio!
Torna dunque il più antipatico personaggio di Sonja: Kulan Gath. Però stavolta almeno è utile a qualcosa. Lancia un sortilegio all’hyrkaniana la quale si ritrova in una strana galleria. Superati alcuni esseri con la luce che esce dai volti, schivato un mostro d’acciaio lucente che corre veloce e salite alcune strane scale, Red Sonja si ritrova… nella New York ai giorni nostri!!

redsonjavol4_0dCon un inaspettato guizzo creativo, la rossa guerriera torna di nuovo a visitare la nostra realtà, come già fece anni fa con Spider-Man.
Non so voi, ma io sono abbastanza intrigato: mi sa che sarà un ottimo 2017 per la nostra eroina semi-nuda…

L.

– Ultimi post simili:

Wonder Woman / Donna bionica (2016) 1

Cover di Alex Ross
Cover di Alex Ross

Come già anticipato, questo dicembre 2016 la Dynamite alza parecchio il tiro della sua passione pulp: ecco il primo numero della testata “Wonder Woman ’77 meets the Bionic Woman“.
L’esperto di Wonder Woman Andy Mangels scrive una storia disegnata dalla brava Judit Tondora.

wonderbionic1aSiamo nel 1977 e le strade di Washington D.C. brulicano di supereroine: quando il Cramer Building crolla, ci pensano Diana Prince e Jaime Sommers a salvare tutti lanciandosi in imprese eccezionali.
Le due super donne fanno amicizia e poi si rincontrano nei Servizi Segreti: entrambe vengono ingaggiate per una missione congiunta di FBI e CIA per affrontare un nemico chiamato Castra.

wonderbionic1bComincia una serie di azioni che sembrano uscite da un telefilm degli anni Settanta, quelli trasmessi da Italia1 negli anni Ottanta e con cui sono cresciuto: Castra promette d’essere un nemico spietato ma l’agente Prince e l’agente Sommers sono tutt’altro che da sottovalutare.
Non rimane che aspettare un mese per saperne di più…

L.

– Ultimi post simili: