Archivi tag: Edifumetto

[Fumetti Erotici] IL CAMIONISTA 70 – Il rompiballe (1986)

Dopo diversi post sulla mitica testata “Il Camionista” della Edifumetto (in seguito Editrice Squalo), ecco il numero 70 del dicembre 1986, dal titolo “Il rompiballe“.

La serie ormai non ha assolutamente niente da dire e non prova nemmeno a sforzarsi. Sono storielle che sarebbero insufficienti anche i filmetti scollacciati dei primi anni Ottanta.

Mario il Vergone conosce un giovane camionista combinaguai e deve tirarlo continuamente fuori da alcune situazioni imbarazzanti: tutto qua…

L.

– Ultimi post simili:

– Ultimi post erotici

[Fumetti Erotici] IL CAMIONISTA 52 – Susanna, figona tutta panna (1985)

Dopo diversi post sulla mitica testata “Il Camionista” della Edifumetto (in seguito Editrice Squalo), ecco il numero 52 del giugno 1985, dal titolo “Susanna, figona tutta panna“.

Il nostro Mario Vergone è seccato perché gli tocca guidare un pullman per portare dei vecchietti in gita, ma scopre che la guida è una morona tutta curve. La concupisce per tutto il viaggio ma lei non ci sta, e alla fine si scopre l’arcano: il fidanzato le ha imposto la cintura di castità!

Grazie a un ladruncolo che conosce, Mario fa togliere la cintura alla donna e comincia una maratona sessuale da primato.

Diciamocelo, non è che queste storie fossero molto elaborate: in pratica è una serie di situazioni in cui mostrare scene pornografiche a casaccio…

L.

– Ultimi post simili:

– Ultimi post erotici

[Fumetti Erotici] IL CAMIONISTA 23 – La bella portinaia (1983)

Dopo diversi post sulla mitica testata “Il Camionista” della Edifumetto (in seguito Editrice Squalo), ecco il numero 23 del gennaio 1983, dal titolo “La bella portinaia“.

Fumetto al minimo storico. Mario Vergone si ritrova a consegnare benzina in un condominio in cui la portiera è molto disponibile, aspettando l’arrivo dei vari lavoratori per ripassarseli tutti.

Bla bla bla, casini vari e alla fine quella tra il Vergone e la portiera è l’unica scena “calda” del fumetto.
Un numero proprio da dimenticare.

L.

– Ultimi post simili:

– Ultimi post erotici

[Fumetti Erotici] Bionika 3 – Autosexcomputer (1984)

Nel 1984 la Edifumetto di Renzo Barbieri raccoglie uno spunto di grande moda: il tema delle ginoidi, proprio nell’anno in cui – a insaputa di tutti – viene inventato il nome per indicarle. (Per sapere tutto sulle donne artificiali, vi rimando al mio saggio.)
La testata dunque si chiama “Bionika” e il terzo numero è intitolato “Autosexcomputer” (agosto 1984).

In una villa nel Missouri – come ci sia arrivata non saprei – Miss Turbo si gode la bella vita e ne approfitta per regolare la voce robotica del suo assistente Monky: tocca qualche tasto sbagliato e se è vero che la voce si sistema… c’è un malfunzionamento di tipo sessuale!

Il personaggio di Monky esce subito di scena perché il professore ha lasciato detto che il suo cervello dev’essere trasferito «nella macchina chiamata Car… realizzando così un autocomputer perfetto e indistruttibile».
Miss Turbo esegue e inizia un’avventura rombante che prende in giro la serie TV del momento: Supercar. Ma rispetto al Kit televisivo quest’auto ha delle appendici molto funzionali che fuoriescono dal cruscotto…

Storiella molto veloce e deludente: spero non sia questo il livello di una serie che comunque era nata molto bene…

L.

– Ultimi post su Bionika:

– Ultimi fumetti erotici:

[Fumetti Erotici] IL CAMIONISTA 21 – Fottobello (1982)

Dopo diversi post sulla mitica testata “Il Camionista” della Edifumetto (in seguito Editrice Squalo), ecco un supplemento al numero 21 del novembre 1982, dal titolo “Fottobello“.

Forse qualche mio coetaneo ricorderà il successo della trasmissione televisiva “Portobello” condotta da Enzo Tortora – prima del suo calvario giudiziario – così non stupisce trovare Mario Vergone e i suoi amici intenti a guardare il suo emulo: “Fottobello” condotto da Colomba.
Qui la procace signorina Tiramisù Domenica racconta di essere stata salvata da un incidente grazie ad un solerte camionista di nome Mario, e di volerlo ringraziare in trasmissione: il nostro eroe dunque dovrà entrare nel rutilante mondo degli studi televisivi.

Scambiati gli studi per un bordello, Mario e il suo amico passano a copulare con qualsiasi donna incontrino, senza che questa opponga la minima obiezione…

Esce però fuori che la trasmissione è un trucco della donna e di suo marito per attirare il camionista buon samaritano. Dall’auto infatti sono spariti dei gioielli e la donna è convinta sia stato Mario.
Indagando insieme però il vero colpevole viene acciuffato e così Tiramisù può tener fede al proprio nome…

L.

– Ultimi post simili:

– Ultimi post erotici

[Fumetti Erotici] Cimiteria 36 – La principessa delle tenebre (1978)

Trovato fortunosamente il numero 36 (settembre 1978) della mitica testata della Edifumetto “Cimiteria“, dal titolo “La principessa delle tenebre“.
La nostra eroina sta cercando di dimenticare Robby, il figlio partorito da Quasimodo (ingravidato da un alieno) che lei sente come suo, ma ormai è stato rapito e deve metterci una croce sopra. Si sente sola, però, ed è quindi l’occasione giusta per maltrattare il suo umile schiavo.

Cimiteria tratta male Quasimodo solo perché non vuole essere lasciata sola dall’unico uomo che può amarla, in grado cioè di non finire vittime del potere letale della sua vagina. Così dopo la strigliata viene una pratica più piacevole…

Subito dopo il sesso, niente coccole per Quasimodo: la sua bionda signora lo manda via che vuole star sola.

Vede però un’ombra in giardino che si scopre essere una donna in fuga, emaciata fino quasi alla morte. È sfuggita a un signore locale che tiene segregate donne in cantina per la sua personale perversione: si eccita con le donne morenti, e vuole possederle nel loro ultimo anelito di vita.

Purtroppo l’albo finisce sul più bello: chissà se troverò mai il numero in cui continua la storia di questa strana perversione.

L.

– Ultimi post su Cimiteria:

– Ultimi fumetti erotici:

[Fumetti Erotici] Cimiteria 35 – Quasimodo incinto (1978)

Trovato fortunosamente il numero 35 (agosto 1978) della mitica testata della Edifumetto “Cimiteria“, dal titolo “Quasimodo incinto“.
Purtroppo mi manca il numero precedente ma un sommarietto mi informa che Quasimodo è stato sodomizzato da un extraterrestre… e ora è incinto, come dice il titolo. Per fortuna la bella Cimiteria – qui più procace del solito – è particolarmente comprensiva con l’uomo che in fondo è il suo compagno di vita. Cioè, di “dopo-vita”.

Il parto si avvicina e un luminare un po’ cialtrone aiuta il puerpero, pregustando quando pubblicherà la notizia sui giornali e sarà il primo dottore ad aver assistito un partoriente uomo. Ovviamente Cimiteria non può permetterlo, e così uccide il dottore.
L’unica soluzione è partire per un viaggio, così da far sbollire la situazione, e al ritorno dire a tutti che è il figlio di Cimiteria, che ora (non so perché) si fa chiamare principessa Kalevic.

Affidato il pargolo ad una balia e partiti per un lungo viaggio, al ritorno la principessa Cimiteria si fa passare per ragazza madre ma la doccia fredda arriva quando della balia si è persa ogni traccia: scomparsa, insieme al bebè.

Cimiteria e Quasimodo non si danno pace, scoprendo che la balia è stata vittima della compravendita di bambini di Londra. Così decide di “entrarci” anche lei e mette un annuncio sul giornale, ritrovandosi casa piena di gente pronta a vendere il proprio infante dicendo che è Robby, il figlio rapito della nostra eroina.
La storia, come sempre, si chiude lasciando in sospeso la questione, la cui conclusione scopriremo la settimana prossima.

La storia in pratica è un semplice “giallo” sulla scomparsa del bebè, con un paio di velocissimi inserti sessuali del tutto gratuiti, che mostrano quanto sia cambiata la testata: dall’erotismo dell’inizio si è passato ad una veloce pornografia, priva di quel sottile umorismo che aveva contraddistinto Cimiteria.

L.

– Ultimi post su Cimiteria:

– Ultimi fumetti erotici:

[Fumetti Erotici] Bionika 1 – Più unica che rara (1984)

bionika1

Nel 1984 la Edifumetto di Renzo Barbieri raccoglie uno spunto di grande moda: il tema delle ginoidi, proprio nell’anno in cui – a insaputa di tutti – viene inventato il nome per indicarle. (Per sapere tutto sulle donne artificiali, vi rimando al mio saggio.)
La testata dunque si chiama “Bionika” e il primo numero è intitolato “Più unica che rara!“: ai disegni mi dicono esserci il mitico Giovanni Romanini, e scusate se è poco!

bionika1aSeka Diamond è la capitana delle Footbells, la squadra femminile più amata e vincente d’America. Però durante un trasferimento in aereo un incidente fa crollare il velivolo e l’intera squadra perde la vita: Seka si salva per un soffio solo purché era in bagno.
Con il corpo maciullato, viene salvata grazie all’aiuto del professor Alistair Manson – allievo numero uno di Einstein nonché creatore della robotica (!) – e del suo bell’androide Monky. In realtà lo scienziato finge di fallire e per il mondo Seka Diamond è morta come tutte le sue compagne di squadra: il suo cadavere invece viene rubato da Monky e “rianimato” da Manson.

bionika1b

«Tu sei una donna bionica», spiega il professore alla nuova donna che si sveglia sul lettino operatorio, completamente immemore di sé. Lo stesso Manson le dà un nome che testimonia la vera grande creatività italiana: Turbo… Miss Turbo. A volte basta sostituire una “a”…

bionika1c

Tutto il lavoro scientifico non sembra valere un lavoro di bocca, quindi Manson cede alla tentazione di sfruttare la sua donna bionica per imprese erotiche più che eroiche: mal gliene incoglie e mentre si spupazza Miss Turbo… un infarto se lo porta via.
Perso il suo padre putativo, la donna bionica – che d’un tratto si auto-battezza Bionika a sorpresa – rimane sola insieme all’aitante androide Monky, pronta ad iniziare mille avventure.

bionika1d

Tecnicamente la protagonista della testata non si può definire ginoide, essendo nata da ventre umano e non costruita, però lo sceneggiatore cerca di rifarsi a più spunti e lascia molto sul vago come abbia fatto il professore a riportare in vita il cadavere di Seka: le ha dato elettricità in omaggio a Frankenstein (come anche ammesso in una nota a testo), ma è forte l’atmosfera da “donna potenziata” come dal settembre 1982 si vedeva nelle nostre TV con la serie La donna bionica (1978).
Non escludo che lo sceneggiatore avesse ben presente il film Android (1982), in Italia dall’agosto 1983, rielaborazione di Roger Corman degli androidi di Blade Runner (1982), con Klaus Kinski che costruisce una ginoide che prende vita nello stesso vago ed inspiegato modo di Bionika. Ma in fondo il tema era forte nell’aria, vista la nascita nel 1983 del manga Nanà Supergirl di Hideo Azuma, trasformato in anime giunto in Italia nel settembre 1984.

Per un’altra recensione del fumetto, vi rimando al blog Zora, Sukia, Ulula e le altre.

L.

– Ultimi post simili:

[Fumetti Erotici] Cimiteria 6 – L’uomo lupo (1977)

cimiteria06Trovato fortunosamente il numero 6 (luglio 1977) della mitica testata della Edifumetto “Cimiteria“, dal titolo “L’uomo lupo“.
Nel numero 5 avevamo lasciato la bionda risorta prendere servizio come sguattera nella prigione di Nottingale dov’è rinchiuso il suo amante Lord James Manchester, accusato ingiustamente di omicidio dal gobbo Quasimodo che è mortalmente geloso di lui.

cimiteria06aAppena i due si vedono James non si controlla e fa capire che conosce la donna, così le guardie trascinano Cimiteria davanti al direttore, il quale non ci pensa due volte ad approfittarsi della situazione: se vuole aiutare il suo amante prigioniero, un lavoro di bocca sarà la chiave giusta. Il direttore profittatore non sa che sua moglie sta per entrare in stanza…
Finita a schiaffoni la situazione, Cimiteria è di nuovo per strada e già che c’è accetta la gentile offerta di un passaggio da uno sconosciuto.

cimiteria06bQuesti si rivela essere l’affascinante Sigmund Fury, un evidente dongiovanni che però fa fremere il corpo di Cimiteria: il suo amore è ancora per Sir James… ma qualcos’altro può pure darlo a questo bel tenebroso…

cimiteria06cAssicuratasi che il focoso amante stia lontando alla “bernarda assassina”, Cimiteria si concede a lui… solo per scoprire che nell’apice della passione Sigmund si trasforma in un violento uomo-lupo, che non potendo lasciare testimoni è ogni volta costretto a sbranare le proprie amanti.

cimiteria06dÈ facile per la nostra risorta avere la meglio sul mostro: basta che come ultimo desiderio gli chieda di prestare attenzione alla sua “bernarda”, e la morte incoglierà velocemente l’amante-lupo.
Tornata nelle fogne e fatta la pace con Quasimodo, Cimiteria e il gobbo preparano un piano infallibile per far evadere Sir James: rapiscono la moglie del direttore e chiedono come riscatto la liberazione del nobile. Grave errore…

cimiteria06eAl direttore fa solo che piacere ricevere pezzi tagliati della propria odiosa e odiata moglie: da tempo cercava di liberarsene ma non sapeva come fare in modo “pulito”, e ora questo rapimento è il sistema perfetto.
Così Cimiteria e Quasimodo rimangono con un palmo di naso… e ciò che succederà purtroppo è nell’albo successivo, che non ho.

Da notare come la bionda risorta di questi numeri sia molto più sensuale di come diventerà negli anni successivi, quindi tutta da gustare.

L.

– Ultimi post su Cimiteria:

– Ultimi fumetti erotici:

[Fumetti Erotici] Cimiteria 28 – Il bambino-ragno (1978)

cimiteria28Numero 28 (23 maggio 1978) della mitica testata della Edifumetto “Cimiteria“, dal titolo “Il bambino-ragno“.

Cimiteria e Quasimodo stanno passando una vacanza in una casa di campagna, ma la procace resuscitata trova subito una “indagine” da portare avanti: ha visto chiaramente un bambino spiarla dalla finestra ma tutti in paese affermano non esserci bambini nella zona.
Cimiteria ascolta di nascosto una voce di bimbo uscire da uno scantinato del vicino e prende la decisione: indagherà nottetempo.

cimiteria28aMalgrado Quasimodo l’abbia messa in guardia dal cercare rogne, invece di gustarsi la vacanza, Cimiteria si impiccia nella casa del vicino e scopre che in effetti la famigliola tiene il figlioletto chiuso in cantina: ha solo una finestrella per guardare fuori e parlare con la bionda eroina. Che si prende una bella botta in testa dal padrone di casa, poco tollerante verso gli impiccioni.
Visto che Cimiteria ora sa del bambino, l’unica soluzione è sbarazzarsi di lei… seppellendola viva! La crudele famigliola viene sistemata da Quasimodo, che svegliandosi e non trovando la risorta al suo fianco capisce tutto e corre in aiuto.

cimiteria28bCorsi a liberare il bambino appena diventato orfano, Cimiteria e Quasimodo scoprono il motivo della sua reclusione: segreto di Pulcinella che il lettore ha già capito dal titolo della storia!

cimiteria28cIl bambino è un mostro perché – si scopre leggendo il diario della famiglia – quando era in Africa l’uomo si è comportato in modo abominevole con i suoi schiavi, che gli hanno lanciato la maledizione del Dio Ragno che è passata al figlio.
Mentre Cimiteria e Quasimodo decidono sul da farsi, il bambino scappa dalla cantina, desideroso di vivere libero: come salvarlo dalla crudeltà degli uomini? Purtroppo verrà raccontato nell’albo successivo…

Molto poco sesso e tanta atmosfera paranormal-horror per questo numero di una testata imperdibile.

L.

– Ultimi post su Cimiteria:

– Ultimi fumetti erotici: