Archivi tag: Gabriele Dell’Otto

X-23 (2010) Sogno di morte

Cover di Danni Shinya Luo

In omaggio alla “nuova” X-23, nei cinema con il film Logan, è il momento di saperne di più su questo personaggio.

logan_banner

Diventa difficile seguire la nostra eroina nel suo saltellare, balzellon balzelloni, da una testata Marvel all’altra, sempre come inutile tappezzeria. Ad un anno da che le è stato tagliato un braccio la troviamo finalmente abbandonare la X-Force, con relativa testata, ed affrontare il duro giudizio dei suoi amici all’Accademia Xavier sull’isola di Alcatraz: tutti sono delusi del fatto che la ragazza facesse parte di un gruppo segreto di assassini, non tenendo però conto che in pratica X-23 non ha ucciso una mazza di nessuno…

Nata in una prigione, X-23 torna in una prigione: l’Alcatraz degli X-Men

Chiusa l’imbarazzante parentesi “X-Force”, è tempo di una nuova stagione della testata “X-23”, che immagino stia a testimoniare l’apprezzamento del pubblico tanto da spingere la Casa delle Idee Confuse a dare un’altra testata personale al personaggio.

La giovane X-23 secondo Sana Takeda

“X-23” Volume 2 – ma non so perché gli archivi americani dicono Volume 3, saltando un numero – si apre con la nostra Laura che dismette la bella tuta gagliarda di X-Force e torna alle ridicole calze a rete, spacciandosi per un’adolescente che in realtà non è più. Ma va be’, dopo cinque anni di filata è la prima volta che il personaggio viene scritto da qualcuno che non siano i suoi creatori, e la povera Marjorie Liu si ritrova a dover gestire una situazione che dire ridicola è poco: Wolverine è diventato un diavolo e vuole… boh, che cacchio ne so cosa vuole, che qui non si capisce una mazza…

Meglio i flashback di Sana Takeda che tutta la saga!

Gli orripilanti (secondo me) disegni di Will Conrad rendono indigesta una serie in cui non si capisce nulla in ogni vignetta, un fiume di chiacchiere senza alcun significato che gettano la povera Laura nel calderone Marvel: ora che il personaggio è maturo, la si può trattare da schifo come tutti gli altri.
Il suo “primo amore” Satiro mi pare faccia una brutta fine ma non è chiaro, mentre l’unica figura paterna che abbia mai avuto – ma Wolverine vi sembra una figura paterna? – è diventato un diavolo e cerca di cosarla o fare robe che non ho capito.

Pronta a non capirci nulla

Insomma, il delirio più totale attraverso il quale sembra obbligatorio passare se un personaggio vuole essere promosso nell’Universo Caotico Marvel.
Aspetto saghe migliori…

Vi lascio più sotto con un capolavoro: la variant cover firmata dal nostro mitologico Gabriele Dell’Otto: goduria pura!

Scheda etrusca:

Sogno di morte (The Killing Dream, 1-3)
scritta da Marjorie Liu, disegnata da Will Conrad
“X-23” (v2 ma altri dicono v3) dal n. 1 (novembre 2010) al n. 3 (gennaio 2011)
in Italia: “Wolverine” dal n. 259 (agosto 2011) al 260 (settembre 2011)
Traduzione di Luca Scatasta

Capolavoro di Gabriele Dell’Otto

L.

– Ultimi post simili:

Wolverine (2010) Sex + Violence

Cover di Gabriele Dell'Otto
Cover di Gabriele Dell’Otto

Oggi è San Valentino e si avvicina l’uscita italiana del film Logan (2017): esiste un modo per parlare di entrambe le cose? Sì, e si chiama “Sex + Violence“.

sanvalentino2017_banner

Perché a San Valentino bisogna per forza parlare di amore puro e zuccheroso? Anche quello rozzo e irruento è pur sempre amore…

wolverinesexviolence_aComprato nel 2011 su consiglio del romanziere Stefano Di Marino, questo volume cartonato è davvero un piccolo capolavoro: non trovo le parole per descrivere la bellezza dei disegni del nostro Gabriele Dell’Otto e la carta patinata ne esalta ogni geniale vignetta.

È un albo Marvel quindi non aspettatevi davvero il “sex” promesso dal titolo, ma di sicuro la tensione erotica tra Wolverine e Domino è ampiamente palpabile.

La donna ha aiutato la Loggia degli Assassini a mettere a segno un colpo ma poi si è resa conto che la cosa era troppo “cattiva” anche per lei e ha sabotato il colpo. Così ora si ritrova una secchiata di cattivi che le vogliono far male e mentre Logan cerca di capire cosa stia succedendo… si ritrovano entrambi in un fiume di pallottole.
Massacrare gente tanto stupida da sparare ad un immortale mette su di giri… e i due festeggiano la fine della sparatoria con uno scontro molto più fisico…

wolverinesexviolence_bFinita la spupazzata, arrivano altri assassini che dicono le solite cose stupide che dicono tutti i cattivi Marvel, ma per fortuna le battute che si scambiano Wolverine e Domino sono talmente divertenti ed ispirate che salvano capre e cavoli.

wolverinesexviolence_c

Craig Kyle e Christopher Yost fanno un ottimo lavoro e rendono i dialoghi al minimo, perché la forza di questa storia è tutta nelle rutilanti scene d’azione violenta che Dell’Otto rende da Dio: ogni pagina è goduria pura e risfogliarle dopo tanti anni mi è davvero piaciuto tantissimo.
“Frasi maschie” irresistibili e sangue a ettolitri: si può chiedere di più a San Valentino?

Una comparsata di X-23
Una comparsata di X-23

Kyle e Yost non resistono a far fare una comparsata alla loro creatura, la giovane X-23, e questo significa che può partire ufficialmente il mio ciclo inter-blog sul rapporto fra questi due personaggi.
Restate sintonizzati…

logan_banner

Scheda etrusca:

Sex + Violence (parte 1-3, settembre-novembre 2010)
di Craig Kyle e Christopher Yost, disegni e colori di Gabriele Dell’Otto
Marvel Graphic Novels n. 19 (marzo 2011)
Traduzione di Fabio Gamberini

L.

– Ultimi post simili:

Red Sonja Dynamite 3: Life and Death

Cover di Gabriele Dell'Otto
Cover di Gabriele Dell’Otto

Agosto 2005: continua il lungo nuovo viaggio di Red Sonja nell’universo Dynamite. Ecco il terzo numero: “Life & Death“. Ai testi ci sono Michael Avon OemingMike Carey (autore tra l’altro di Lucifer ed Hellblazer per la DC e X-Men per Marvel).
I disegni invece sono di nuovo del grande Mel Rubi, che abbiamo già incontrato per saghe come Terminator: The Dark Years (1999) e Aliens vs Predator vs Terminator (2000).

redsonja03aCom’è facile intuire, Sonja non è morta nel precedente numero: è stato un inganno del mago che, folle di bramosia per la donna, ha finto di sacrificarla per poterla poi avere tutta per sé.
redsonja03bRiportata in vita con un sortilegio l’hyrkaniana scopre che l’uomo vuole incaricarla di una missione: e io che pensavo se la volesse spupazzare almeno un po’, che maligno che sono…

C’è un dio da sfidare e un suo idolo da neutralizzare, così la Diavolessa si ritrova di nuovo sulla strada, affiancata dal biondo guerriero Osin e dai suoi uomini. Il ragazzone muscoloso guarda Sonja con occhi languidi e non è escluso che non si tratti solamente di “stima tra guerrieri”: qualunque siano i sentimenti di Osin, la nostra rossa eroina non ci bada e lo tiene a debita distanza.
Un tradimento farà scorrere il sangue e per fortuna Sonja aveva ancora un pezzo di lama nel petto: estrarla ed usarla al momento buono aumenta sensibilmente la “cazzutaggine” di questa rinascita Dynamite.

Disegni splendidi come sempre con l’hyrkaniana sempre colta nei momenti in cui è meno vestita: applausi per la Sonja desnuda!

redsonja03cL.

– Ultimi post simili:

Punisher Original Sin

OriginalSinQuando Nick Fury viene ucciso da Winter Soldier, c’è bisogno di far entrare in gioco i “grandi calibri”!

Non sto seguendo la saga di “Original Sin” perché queste iniziative Marvel sono sempre più confusionarie e prevedono una conoscenza dei personaggi pari solo alla bocca talmente buona da sopportare storie lunghissime in cui non accade assolutamente nulla.
Però la cover con il mitico Punisher protagonista merita assolutamente, anche perché è firmata dall’eccellente Gabriele Dell’Otto. Sfogliando questo numero 4 scopro che si allea con il Dottor Strange per indagare sulla morte di Nick Fury, ma poi succedono tante cose strane che non mi va proprio di seguire…

L.