Sisters of Sorrow 1 (2017)

Cover di Jae Lee e June Chung

Con una copertina del genere, come si fa a resistere? Ma vuoi vedere che la Boom! Studios ha raccolto l’eredità del filmaccio Nude Nuns with Big Guns (2010)? No, è solo una cover-bait: un modo vergognoso di attrarre in trappola onesti amanti del trash come me…

Kurt Sutter – autore di serie di culto come The Shield e Sons of Anarchy – e Courtney Alameda ci raccontano di un centro per donne maltrattate che viene “visitato” da maritini non proprio premurosi. Che gli uomini violenti con le proprie mogli siano disprezzabili e da condannare siamo tutti d’accordo, ma ritrarli come zombie assettati di sangue mi sembra un tantino esagerato…

Comunque un maritino manesco ha quello che si merita quando una delle donne get a gun: ma ora che ha ucciso un uomo, come farà?

«Non mi importa del “come”, mi importa del “chi”.
Chi è il prossimo?»

Con questa frase maschia si chiude il primo numero di una serie assolutamente dimenticabile. I bei disegni dinamici di Hyeonjin Kim on bastano a sopperire ad una trama che sembra un po’ raffazzonata.

L.

– Ultimi post simili:

Skorpio 2107 (luglio 2017)

Cover di Philippe Gauckler

Ecco cosa presenta il settimanale a fumetti Skorpio in edicola da alcuni giorni grazie ad Editoriale Aurea.

Skorpio
(Anno XXXXI) n. 2107, 20 luglio 2017

Tomb Raider: Segreti e bugie [Tomb Raider Volume 2: Secrets and Lies, 2015] (prima parte) – di Gail Simone / Rhianna Pratchett e Derlis Santacruz / Nicolás Daniel Selma
– La saga è così composta: “La stagione della strega”, 2099-2106/2017
Galia: naufraga dello spazio-tempo (quarta ed ultima parte) – di Alfredo Grassi ed Andrés Klacik
– TRAMA: Galia Gucci, ventitreenne navigatrice solitaria argentina, si trova in questo agosto 1883, coinvolta dalla famosa esplosione del vulcano Krakatoa e naufraga su una terra misteriosa chiamata Trlantis, dove salva il giovane principe Xantos.
Koralovski [3] Orizzonti di fuoco [Des horizons de feu, 08/2016] (prima parte) – di Philippe Gauckler
– TRAMA: Jan Blasko, l’agente dei servizi segreti americani sta cercando di raggiungere gli Stati Uniti per deporre in una commissione e svelare i terribili segreti di cui è a conoscenza, per questo sono in molti a voler evitare che l’uomo raggiunga gli USA.
– La saga è così composta: 1) “L’oligarca”, 2101-2103/2017; 2) “Nell’ombra del mondo”, 2104-2106/2017
Una fantastica realtà (sessantottesima parte) – di Eduardo Mazzitelli ed Enrique Alcatena
– TRAMA: La stirpe dei Maralha, una famiglia composta da numerosi individui con facoltà straordinarie, ha abusato dei regni minori dominandoli con spietatezza… facendo anche esperimenti umani.
Quintett [5] La caduta [Dernier mouvement: La chute, 11/2007] (quarta parte) – di Frank Giroud e Giulio De Vita / Cyril Bonin
– TRAMA: Dora, Alban, Elias e Nafsika non si erano mai incontrati prima di quell’autunno del 1916. Su richiesta del Ministero della Guerra e dei loro superiori, si erano ritrovati in un quintetto, il Quintett, per sollevare, con la loro musica, il morale delle truppe di stanza a Pavlos, in Macedonia, nella zona franca controllata dai francesi. Anche se spesso le loro storie si incrociano, nessuno di loro ha la stessa visione degli avvenimenti.
– La saga è così composta: 1) “Storia di Dora Mars”, 2085-2088/2017; 2) “Storia di Alban Meric”, 2089-2092/2017; 3) “Storia di Elias Cohen”, 2093-2096/2017; 4) “Storia di Nafsika Vasli”, 2097-2102/2017
Niklos Koda [15] L’ultima maschera [Le dernier masque, 05/2017] (terza parte) – di Jean Dufaux e Olivier Grenson
– TRAMA: Sempre di più, per salvare sua figlia, Niklos Koda si immerge negli arcani della magia nera, e il prezzo da pagare è quello della sua anima… Non c’è più tempo da perdere. L’ora dell’ultimo confronto è suonata.
– La saga è in parte così composta: 11) “La danza del diavolo”, 34-36/2014; 12) “L’oceano”, 50-52/2014; 13) “No Song”, 20-22/2015; 14) “Lo Spiborg”, 2078-2081/2016
La rossa – di Smilton
Missione Osirak [2] Il raid impossibile [Le raid impossible, 05/2016] (terza parte) – di Jean-Claude Bartoll e Ramon Rosanas
– TRAMA: Missione Osirak è la storia di un attacco aereo riconosciuto come uno dei più audaci dopo la Seconda guerra mondiale: il bombardamento da parte dell’aeronautica militare israeliana della centrale nucleare irachena di Osirak, nel 1981. Ma una missione come questa richiede una lunga preparazione, che può durare anche anni, ed è quello che vivrete con questa storia affascinante in due volumi.
– La saga Mission Osirak è così composta: “La bomba di Saddam”, 2102-2105/2017
Ghigo lo sfigo – di Laura Stroppi

Buona lettura 😉

L.

– Ultimi post simili:

[Fumetti Erotici] Bionika 4 – I prostituti (1984)

Nel 1984 la Edifumetto di Renzo Barbieri raccoglie uno spunto di grande moda: il tema delle ginoidi, proprio nell’anno in cui – a insaputa di tutti – viene inventato il nome per indicarle. (Per sapere tutto sulle donne artificiali, vi rimando al mio saggio.)
La testata dunque si chiama “Bionika” e il terzo numero è intitolato “I prostituti” (1984).

Già al quarto numero la serie è in pratica finita…
La supercar dice a Bionika che il professore ha pensato per lei più di mille missioni, lasciandosi quindi la porta aperta per più di mille numeri dell’albo: se questa è la qualità, quattro è già un numero troppo alto…

Bionika va in una città dove corrotti cattivoni rendono schiavi sessuali la gente con la droga, e giù di banalità scopiazzate da cinema e cronaca nera. Bionika si finge schiava ma, essendo in pratica bionica, poi mena a tutti.

Storia brutta oltre ogni dire e davvero stupidella: se questo è l’andazzo della serie, è davvero un personaggio totalmente sprecato.

L.

– Ultimi post su Bionika:

– Ultimi fumetti erotici:

Hombre Rosa 1 (2011)

Cover di Christian e Craig Knight

Mi è capitato per caso il primo numero di questo fumetto weird western molto intrigante: “Hombre Rosa“, della Knight Squared.
Poco dialogo e tante ottime vignette disegnate da Christian e Craig Knight: una donna discintamente vestita corre nell’arido West, inseguita da vampiri… serve qualcos’altro per un buon inizio?

Non si capisce bene da questo primo numero chi sia la protagonista, ma di sicuro le splendide e dinamiche vignette sono un omaggio a tutto ciò che di western è mai apparso in ogni media.

Non c’è molto altro da dire, ma se troverò altri numeri me li gusterò: cacciatrici di vampiri nel West è sempre un tema che scalda il cuore!

L.

– Ultimi post simili:

Scooby-Doo vs Jonah Hex! (2017)

Cover di Dario Brizuela

Il 26 luglio 2017 – ma in realtà è già uscito – la DC Comics presenta il fumetto che fa scontrare due dei suoi più improbabili sfidanti: Scoopy-Doo e la sua allegra combriccola… contro Jonah Hex, lo spietato cacciatore di taglie del West più duro.
Tutto nel numero 55 di “Scooby-Doo Team-Up“, disegnato da Dario Brizuela.

 

Mettendo a posto la soffitta i nostri investigatori del paranormale ricordano i loro antenati nel West, quando alcune indagini li portarono ad affrontare il cacciatore di taglie per eccellenza: il sudista dalla faccia di cuoio.

Ovviamente il personaggio è totalmente snaturato, ridotto ad una macchietta per rientrare nello stile di Scooby-Doo. Addirittura afferma di non sparare alle donne: ma stiamo scherzando? Jonah Hex ha sparato a tutto ciò che esiste in natura!

La storia è più deludente di uno degli storici cartoni di Scooby-Doo, davvero un fumetto per l’infanzia, ma fa piacere vedere ogni tanto Jonah che fa capolino.

L.

– Ultimi post simili:

Lanciostory 2206 (luglio 2017)

Cover di Luis Royo

Ecco cosa presenta il settimanale a fumetti Lanciostory in edicola da alcuni giorni grazie ad Editoriale Aurea.

Lanciostory
(Anno XLIII) n. 2206, 17 luglio 2017

A casa prima del buio: I movimento. Andante – Sarabanda (terza parte) – di Moriconi e Albano
I cammini di Compostela [2] L’ankou, il diavolo e la novizia [L’ankou, le diable et la novice, 10/2015] (quinta ed ultima parte) – di Jean-Claude Servais
– La saga Les chemins de Compostelle è così composta: 1) “Piccolo liocorno”, 2197-2201/2017
Jerry White: Uccidete Cora Winthrop (seconda parte) – di Alfredo Grassi e Angel “Lito” Fernandez
Martin Hel: inserto del volume 5, con la fine dell’87° capitolo e l’inizio dell’88°
– TRAMA: La scomparsa di un Avatar è una cosa strana e preoccupante, soprattutto se è avvenuta contro la sua volontà…
Sisco [10] Maori Blues [Maori Blues, 01/2017] (seconda parte) – Benec (Benoît Chaumont) e Thomas Legrain
– TRAMA: Certi avvenimenti devono restare sconosciuti al grande pubblico, soffocati in nome della ragione di Stato. Sisco fa parte di quegli uomini ombra che ingrassano gli ingranaggi della politica a colpi di 9mm. Ed è uno dei migliori nel suo ramo.
– La saga è così composta: 1) “Sparate solo a comando”, 46-49/2011; 2) “Fatela tacere!”, 50/2011-1/2012; 3) “Gin-Fizz”, 2-5/2012; 4) “Whisky-Coke”, 6-9/2012; 5) “Diplomazia Kalashnikov”, 47-50/2012; 6) “Trattativa a 9 mm”, 46-49/2013; 7) “La legge di Murphy”, 31-32/2014; 8) “Realpolitik”, 12-14/2015; 9) “Oro nero”, 2174-2176/2016
Aria [16] Ove [Ove, 06/1994] (seconda parte) – di Michel Weyland
– TRAMA: Avventuriera, curiosa e intrepida, Aria incrocia la strada di uno strano uomo, poeta mistico e ribelle, Venderic è una delle vittime dell’imperatore Cirenodule, che ha invaso le vaste regioni a nord. Crocifisso e in preda all’agonia, Venderic ha solo il tempo di rivelare il suo segreto ad Aria.
– La saga di Aria è così composta: 1) “Il piano di Aria”, 2154-2156/2016; 2) “La montagna dei maghi”, 2157-2159/2016; 3) “La settima porta”, 2160-2162/2016; 4) “I cavalieri di Aquarius”, 2163-2165/2016; 5) “Le lacrime della dea”, 2166-2169/2016; 6) “L’anello degli Elfi”, 2170-2173/2016; 7) “Il tribunale dei corvi”, 2174-2176/2016; 8) “Il meridiano di Posidonia”, 2177/2016-2179/2017; 9) “Il combattimento delle dame”, 2180-2182/2017; 10) “Occhio d’angelo”, 2183-2185/2017; 11) “Gli indomabili”, 2186-2190/2017; 12) “Janessandre”, 2191-2193/2017; 13) “Il grido del profeta”, 2194-2197/2017; 14) “Il ladro di luce”, 2198-2200/2017; 15) “Venderic”, 2201-2203/2017
Il giudice. La Repubblica assassinata [Chronique d’une mort annoncée, 01/2017] (seconda parte) – di Olivier Berlion
– La saga Le juge è così composta: 1) “Chicago sul Rodano”, 2186-2188/2017; 2) “La banda dei lionesi”, 2189-2192/2017
Beep Beep – di Roger Kettle e Andrew Christine

Buona lettura 😉

L.

– Ultimi post simili:

Skorpio 2106 (luglio 2017)

Cover di Dan Scott

Ecco cosa presenta il settimanale a fumetti Skorpio in edicola da alcuni giorni grazie ad Editoriale Aurea.

Skorpio
(Anno XXXXI) n. 2106, 13 luglio 2017

Tomb Raider: La stagione della strega [Tomb Raider Volume 1, 2014] (ottava ed ultima parte) – di Gail Simone e Nicolás Daniel Selma
– Per festeggiare la presentazione italiana di questo fumetto Dark Horse, come introduzione c’è l’intervista all’autrice Gail Simone
Niklos Koda [15] L’ultima maschera [Le dernier masque, 05/2017] (seconda parte) – di Jean Dufaux e Olivier Grenson
– TRAMA: Sempre di più, per salvare sua figlia, Niklos Koda si immerge negli arcani della magia nera, e il prezzo da pagare è quello della sua anima… Non c’è più tempo da perdere. L’ora dell’ultimo confronto è suonata.
– La saga è in parte così composta: 11) “La danza del diavolo”, 34-36/2014; 12) “L’oceano”, 50-52/2014; 13) “No Song”, 20-22/2015; 14) “Lo Spiborg”, 2078-2081/2016
Galia: naufraga dello spazio-tempo (terza parte) – di Alfredo Grassi ed Andrés Klacik
– TRAMA: Galia Gucci, ventitreenne navigatrice solitaria argentina, si trova in questo agosto 1883, coinvolta dalla famosa esplosione del vulcano Krakatoa e naufraga su una terra misteriosa chiamata Trlantis, dove salva il giovane principe Xantos.
La rossa – di Smilton
Una fantastica realtà (sessantasettesima parte) – di Eduardo Mazzitelli ed Enrique Alcatena
– TRAMA: La stirpe dei Maralha, una famiglia composta da numerosi individui con facoltà straordinarie, ha abusato dei regni minori dominandoli con spietatezza… facendo anche esperimenti umani.
Missione Osirak [2] Il raid impossibile [Le raid impossible, 05/2016] (seconda parte) – di Jean-Claude Bartoll e Ramon Rosanas
– TRAMA: Missione Osirak è la storia di un attacco aereo riconosciuto come uno dei più audaci dopo la Seconda guerra mondiale: il bombardamento da parte dell’aeronautica militare israeliana della centrale nucleare irachena di Osirak, nel 1981. Ma una missione come questa richiede una lunga preparazione, che può durare anche anni, ed è quello che vivrete con questa storia affascinante in due volumi.
– La saga Mission Osirak è così composta: “La bomba di Saddam”, 2102-2105/2017
Quintett [5] La caduta [Dernier mouvement: La chute, 11/2007] (terza parte) – di Frank Giroud e Giulio De Vita / Cyril Bonin
– TRAMA: Dora, Alban, Elias e Nafsika non si erano mai incontrati prima di quell’autunno del 1916. Su richiesta del Ministero della Guerra e dei loro superiori, si erano ritrovati in un quintetto, il Quintett, per sollevare, con la loro musica, il morale delle truppe di stanza a Pavlos, in Macedonia, nella zona franca controllata dai francesi. Anche se spesso le loro storie si incrociano, nessuno di loro ha la stessa visione degli avvenimenti.
– La saga è così composta: 1) “Storia di Dora Mars”, 2085-2088/2017; 2) “Storia di Alban Meric”, 2089-2092/2017; 3) “Storia di Elias Cohen”, 2093-2096/2017; 4) “Storia di Nafsika Vasli”, 2097-2102/2017
Koralovski [2] Nell’ombra del mondo [Dans l’ombre du monde, 08/2015] (terza ed ultima parte) – di Philippe Gauckler
– TRAMA: Tre storie che sembrano legate tra loro… Viktor Koralovski, noto oligarca russo, evaso suo malgrado dopo quattordici anni di detenzione viene tratto in salvo dall’amico Orlov che, come molti altri magnati dell’ex URSS gli è debitore per essersi ribellato al potere del presidente Khanine.
– La saga è così composta: 1) “L’oligarca”, 2101-2103/2017

Buona lettura 😉

L.

– Ultimi post simili:

War for The Planet of the Apes 1 (2017)

Cover di Mikhail Borulko

Dopo una leggerissima e discreta copertura pubblicitaria – ho trovato spot anche nel mio bagno! – ieri è uscito nelle sale italiane l’inatteso (nel senso che non lo attendeva proprio nessuno) nuovo ridicolo filmucolo che sappia far vedere al mondo quanto il cinema contemporaneo sia un cadavere lasciato al sole.

Le scimmie della Fox (intendo i dirigenti!) sono arrivate in Italia e i nostri distributori non si sono lasciati cogliere impreparati, sfoggiando un altro sballatissimo titolo come solo gli italiani sanno fare: The War. Il pianeta delle scimmie. Che tristezza…

Chiamatemi Nostralucius perché vi lancio una previsione: ci risentiamo il 31 luglio, quando cioè nessuno si ricorderà più dell’uscita di questo film…
(I miliardi di spot e trailer finiscono esattamente il giorno dell’uscita, perché se no c’è il rischio che qualcuno poi vada davvero a vedere il film, e questo le case non lo vogliono…)
Intanto vi ricordo che l’intero ciclo scimmiesco lo trovate scheda nel mio blog Il Zinefilo ma anche nella Bara Volante di Cassidy.

La Boom! Studios, che da anni e anni sforna fumetti scimmieschi – tutti rigorosamente inediti in Italia – non poteva esimersi dall’immancabile “traino”: ecco dunque uscire a luglio “War for The Planet of the Apes 1“.
Scritto da David F. Walker e disegnato da Jonas Scharf, non sembra affatto una novelization – non avendo ancora visto il film non saprei dirlo con certezza – bensì un prequel del nuovo film, a quanto si dice in rete.
Faccio notare che i decenni di fumetti di Planet of the Apes hanno creato un universo espanso che quasi sicuramente sarà stato tradito dal cinema…

Come il cinema ci ha insegnato, è difficile mostrare l’universale così ci si focalizza sul particolare. Che si tratti di pandemie o di meteo-apocalypse il discorso non cambia: invece di mostrare come il mondo sta finendo, meglio raccontare le vicissitudini di quattro gatti. Non solo è più economico a livello monetario, ma lo è anche a livello di sceneggiatura.
Così il massimo stupore che viene rappresentato in questo fumetto arriva quando, incredulo, uno dei protagonisti si rende conto allibito che pare che la Florida sia in mano alle scimmie. No, non è possibile! Riuscite a pensare a qualcosa di più mostruoso? Nell’apocalisse mondiale, con la razza umana che teoricamente si sta estinguendo, la Florida occupata è il massimo dell’orrore…

Gli scienziati umani continuano a studiare il virus ALZ-113 ma le cavie scimmiesche sono sempre più rare da trovare.
Intanto per motivi misteriosi alcune scimmie non parlano, come invece tutte le altre, e si esprimono a gesti… boh. Sono molto dubbiose sul seguire Caesar, perché i morti cominciano ad essere tanti e non è più sicuro se il condottiero stia guidandoli alla vittoria o al massacro.
In tutto questo ci sono i soliti uomini che organizzano varie resistenze, molto simili agli umani del futuro della saga di Terminator.

Seguire la Fox nella pessima qualità delle storie non mi sembra un’idea brillante, ma anche le case a fumetti devono vendere e quindi devono sfornare anche ‘sta roba.
Non mi sembra una saga a fumetti che possa offrire qualcosa…

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

[Fumetti Erotici] Lucifera 78 – Il purgatorio (1975)

Torno nel mondo dell’affascinante “Lucifera” per questo numero 78 (dicembre 1975) dal titolo: “Il purgatorio“.

Per liberarsi dal convento dove è stata rinchiusa per ordine del vescovo di Colonia e per vendicarsi di lui, Lucifera spinge le monache isteriche al furore uterino. L’abate Fulrado, suo complice, le dichiara indemoniate e le esorcizza alla presenza dello scabino.

E come si esorcizzano le donne? Con una purga… Capito il gioco di parole con “purgatorio”?

Nessun fluido corporeo rimane estraneo a questa storia, anche se siamo ancora in tempi castigati e non c’è mai nulla di esplicito. Però è anche particolarmente noiosetta, con le suorine che fanno le peggio cose come in un classico film pecoreccio italiano. Lucifera ha fatto di meglio…

L.

– Ultimi post su Lucifera:

– Ultimi post simili:

Predator: Hunters 3 (2017-07)

Cover di Doug Wheatley

Terzo strepitoso numero di “Predator: Hunters“, scritto da un mostro sacro come Chris Warner e disegnato da Francisco Ruiz Velasco.

Kehua Island, il tempo è arrivato

Kehua Island, i predatori arrivano… e sono umani.
Il nostro team di sopravvissuti ingaggia un manipolo di mercenari – lo immagino, perché non viene ben specificato chi sia quella gente – per un unico motivo: serve carne da macello…

Sembrano soldati, ma sono solo comparse destinate al massacro

D’improvviso la qualità della storia, finora altissima, si abbassa parecchio. Dopo una lunga e inutile chiacchierata con gli indigeni dell’isola vicina – ma che c’entra? Spero che avrà un senso più avanti e che non sia un semplice allungamento di brodo – si va tutti sull’isola mentre uno dei mercenari prende in giro Nakai perché… boh, così, senza motivo.

Bei disegni, pessimi dialoghi

Ho capito che serviva rendere antipatici i mercenari, così il lettore non si dispiace quando il Predatore li fa fuori, ma mi sembra un mezzuccio dozzinale che si poteva benissimo evitare.

Comincia il macello…

Malgrado tutta la tecnologia e la preparazione, i nostri eroi al momento dell’azione si comportano stupidamente come qualsiasi film visto finora: era lecito aspettarsi un po’ di più dal fumetto.
L’unica differenza tra loro e gli uomini di Dutch del film del 1987 è che loro hanno tute termiche che li rendono invisibili… ma anche no, visto che il Predator se li pappa senza problemi.

Una vittoria solo momentanea

Riusciti ad avere la meglio su un guerriero per superiorità di fuoco – e perché è un Predator “primitivo”, cioè con solo armi bianche – la storia sembra finita, ma tranquilli: il colpo di scena è che in realtà sull’isola ci sono quattro guerrieri in totale… quindi ne mancano ancora tre!

La caccia è solo all’inizio

Belli dinamici i disegni e l’albo si gusta con piacere, ma spero che le situazioni banali da filmetto di genere spariscano nei prossimi numeri…

L.

– Ultimi post simili: