Cover di Duncan Fegredo
Cover di Duncan Fegredo

Prima o poi doveva succedere: dopo decenni a vagare nel mondo dei fumetti, la testata “Planet of the Apes” della Boom! Studios – dopo essere entrata nell’universo di Star Trek – piomba nella casa di un tizio che con le scimmie ci è cresciuto. Un certo Tarzan, di casa Dark Horse Comics, che ospita l’incredibile testata “Tarzan on the Planet of the Apes“.
A scrivere questo gioiellino ci pensano Tim Seeley e David Walker, mentre ai disegni c’è Fernando Dagnino.

tarzanplanet1aSiamo nel Nord America del… 2016!
Le scimmie tratte dal prolifico (ed inedito in Italia) universo fumettistico nato dai film del Pianeta delle Scimmie trovano degli umani ribelli e stanno per ucciderli… quando un uomo in mutande piomba a rovinar loro i piani. E lo fa gridando «Tarzan bundolo!» (“Tarzan uccide”).

Facciamo un salto indietro all’Africa orientale del 1901, quando il giovane Tarzan (il cui nome significa “grande scimmia bianca e glabra”, con un grande dono della sintesi) gioca con Milo, una scimmia curiosa… perché è vestita come i protagonisti di Planet of the Apes. Perché dopo cento anni di storie di scimmie nude, ora scopriamo che nell’infanzia del re della giungla ce n’è una vestita? E per giunta che egli chiama abalu, fratello…
I misteri però non finiscono qui.

Strane e mostruose creature si aggirano per l’Africa, ma la comunità dei gorilla non vuole crederci. Ok, aspetta un momento…
Finché Tarzan parla con dei gorilla ci sto, fa parte del mito creato da Burroughs… ma perché i due parlano la stessa lingua di Milo, che invece è uno scimpanzé bipede e vestito? Se Milo viene dalla Terra futura della saga di Planet of the Apes, che ci fa nell’Africa del 1901? E perché nessuno si stupisce che uno scimpanzé cammini eretto?
Fermo restando che non ho ancora letto il mare di fumetti precedenti (ma provvederò!), la soluzione sembra semplice: Zira e Cornelius – i protagonisti della saga cinematografica degli anni Settanta – sono tornati indietro nel tempo grazie ad un’invenzione del dottor Milo. Già l’hanno fatto nel terzo film, Fuga dal pianeta delle scimmie (1971), ma a quanto pare l’hanno rifatto, tornando nell’Africa di fine Ottocento… ed adottando Tarzan!

Milo, Tarzan, Cornelius e Zira
Milo, Tarzan, Cornelius e Zira

La situazione diventa esplosiva quando dei bracconieri scoprono tutte queste scimmie parlanti e decidono di catturarle per farci bei soldi in patria, e se qualcuna si agita troppo… via una bella fucilata! Così viene colpito Cornelius…
Cosa faranno i bracconieri, tra cui c’è anche un giovane Lord Greystoke? Non lo sappiamo perché voliamo al Nord America del 2016 per vedere il Tarzan adulto catturato dai soldati-scimmia del generale gorillone, che nota come abbiamo trovato “un altro” umano parlante. (Questo forse pone la storia tra il primo e il secondo film.)

Tante domande ma anche tanto divertimento per una serie sorprendente, da battere le mani a priori: peccato dover aspettare un mese per la seconda parte…

L.

– Ultimi post su Tarzan:

– Ultimi post sulla Dark Horse:

Annunci